Capaci mette al bando sacchetti e posate di plastica, il sindaco: "Meno rifiuti significa meno costi"

Da febbraio scatta il divieto di vendere, e usare, stoviglie monouso non biodegradabili. Le nuove regole valgono anche per i turisti. Il primo cittadino Pietro Puccio: "Una piccola rivoluzione necessaria"

Il Comune di Capaci punta ad aumentare in modo sostanziale i livelli di raccolta differenziata e dice "basta" alla plastica. Dal prossimo 1 febbraio sarà vietata "la vendita e l’utilizzo di stoviglie monouso non biodegradabili da parte dei commercianti, delle famiglie e anche dei turisti e de visitatori". Lo prevede un'ordinanza firmata ieri dal sindaco Pietro Puccio, che la definisce "una scelta amministrativa consapevole, che mira a mantenere il Comune all’avanguardia nella gestione responsabile dei rifiuti urbani, in perfetta adesione ai criteri fissati dalle normative nazionali, comunitarie e le ultime ordinanze del presidente della Regione Siciliana".

Se i comuni non raggiungeranno precise percentuali di differenziata, la tassa sulla raccolta rifiuti è destinata ad aumentare con l’aggravio delle sanzioni per i Comuni. Da qui la decisione di Puccio di mettere al bando le stoviglie di plastica.

“Capisco che per cittadini, turisti, attività commerciali e artigianali sarà una piccola rivoluzione - dice Puccio - ma è un provvedimento necessario, in primis per l’ambiente perché contribuisce a ridurre le emissioni inquinanti, e poi perché permetterà di incrementare la quota della raccolta differenziata, facendo diminuire la percentuale di rifiuti residuali. Meno rifiuti fa rendere più economico lo smaltimento dei rifiuti con la riduzione dei costi a carico della cittadinanza”.

Cosa prevede l'ordinanza: "gli esercenti sul territorio comunale, le attività commerciali, artigianali e di somministrazione/alimenti/bevande, a decorrere dal 01 febbraio 2019 non potranno distribuire ai clienti sacchetti da asporto mono uso in materiale non biodegradabile; i titolari di attività della ristorazione (inclusi gli stabilimenti balneari e i chioschi) potranno distribuire agli acquirenti esclusivamente posate, piatti, bicchieri (di qualsiasi dimensione), cannucce, mescolatori di bevande monouso in materiale biodegradabile e compostabile. Ai supermercati, alle botteghe di vicinato, alle salumerie e a ogni altro esercizio e centro vendita abilitato ala vendita di stoviglie per alimentari e cotton fioc è fatto esplicito divieto di vendita di qualsiasi materiale monouso in plastica ed altro materiale non biodegradabile". A tutti è consentito, limitatamente ai successivi 30 giorni, la progressiva eliminazione delle eventuali scorte in magazzino.

Secondo l'ordinanza inoltre "i commercianti, i privati, le associazioni, gli enti in occasione di feste pubbliche e sagre potranno distribuire al pubblico, visitatori e turisti, esclusivamente posate, piatti, bicchieri e sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile; i residenti dovranno utilizzare sacchetti monouso per la spesa in carta o altro materiale biodegradabile e compostabile, ovvero borse riutilizzabili a rete in stoffa o tessuto".

"A novembre si è oltrepassato il 46 per cento di raccolta differenziata - aggiunge il primo cittadino - . Un dato fino a pochi mesi fa inimmaginabile, che ci inorgoglisce ma che non ci soddisfa. Siamo cocciuti, ostinati e determinati. Dobbiamo non solo consolidare le percentuali di raccolta differenziata sin qui raggiunti, ma nel giro di alcuni mesi dobbiamo oltrepassare con slancio la soglia psicologica del 50 per cento. Come sempre un grazie va alla squadra di operatori ecologici, che si sentono giustamente al centro del nostro progetto amministrativo, oltre a tutti i concittadini che, in quantità sempre più corposa, cominciano ad apprezzare il piacere e la soddisfazione di vivere, muoversi ed operare in un contesto urbano sempre più pulito ed armonioso che, nel volgere di qualche mese, ci farà essere orgogliosi ogniqualvolta saremo chiamati a dire che viviamo a Capaci. Strade e piazze più pulite, decoro urbano, alberi potati, aiuole sistemate, strade più transitabili, illuminazione pubblica degna di questo nome, in attesa degli addobbi e dei preparativi natalizi, che siamo certi incontreranno il gusto, l'apprezzamento e l'approvazione di larghissimi strati della cittadinanza. E' il nostro obiettivo, è il nostro impegno, con il vostro aiuto ed il vostro sostegno sarà presto una realtà quotidiana di cui andare fieri ed orgogliosi".

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

Torna su
PalermoToday è in caricamento