menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantieri di servizi al via il primo ottobre: tre mesi di lavoro per circa 400 persone

Il Comune ha prelevato 36 mila euro dal fondo di riserva per l'acquisto di mascherine, la formazione, le visite mediche e l'assicurazione del personale. Marino: "Importante supporto al settore verde". Caracausi: "Peccato non aver attivato tutte le risorse disponibili per mancanza di progetti"

Dopo un lungo iter burocratico, il Comune è pronto a far partire i cantieri di servizi. La data di avvio dei lavori è stata fissata al primo ottobre. Nel frattempo, la Giunta ha prelevato 36 mila euro dal fondo di riserva per l'acquisto di mascherine, la formazione, le visite mediche e l'assicurazione del personale.

Adesso gli uffici contatteranno i cittadini interessati: si tratta di circa 400 persone, che si occuperanno della manutenzione di aree verdi e giardini. Gli assegnatari dovranno svolgere attività di “assistente custode”, “assistente giardiniere” o "assistente manutentore", a supporto dei dipendenti dell’amministrazione comunale, fino ad un massimo di 80 ore mensili e a fronte di un corrispettivo che varia da 453 a 1.494 euro al mese per un periodo di tre mesi.

Non trattandosi di rapporti di lavoro, ma di una misura finalizzata al contrasto di situazioni di marginalità economica e sociale, gli importi percepiti dai partecipanti varieranno in base al reddito e alla composizione del nucleo familiare e non possono in alcun modo essere assimiliati a compenso da lavoro dipendente. "Manteniamo l'impegno all'avvio dei cantieri entro l'autunno, con un importante supporto che potrà essere dato al settore del verde negli spazi pubblici cittadini", dice l'assessore al Verde Sergio Marino.

"Avevamo temuto che non si riuscisse in tempo ad avviare i cantieri per la complessità delle norme vigenti - dichiara Paolo Caracausi, presidente della Terza commissione consiliare - ma grazie al lavoro dei Rup e di chi li ha coordinati sembra che il rischio sia superato. Al lavoro della Terza commissione naturalmente non è mancato l’impegno dell’assessore al Verde Marino, sempre attento ai problemi del settore. Mi rimane un unico rammarico che è quello di non essere riusciti ad attivare tutte le risorse disponibili per mancanza di progetti di altri rami dell’amministrazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento