Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Era rimasta incagliata nel Canale di Suez: la metaniera Grace Emilia ai Cantieri navali per riparazione

La nave, di proprietà della compagnia armatrice giapponese Nyk Line, è approdata nel bacino di carenaggio dello stabilimento Fincantieri dopo l'incidente accaduto lo scorso mese di febbraio

A inizio dello scorso mese era rimasta incagliata nel Canale di Suez, adesso è approdata nel bacino di carenaggio dei Cantieri navali per essere riparata. Stiamo parlando della nave metaniera Grace Emilia, battente bandiera delle Bahamas, di proprietà della compagnia armatrice giapponese Nyk Line.

L’incidente, avvenuto all'estremità meridionale del Canale (a Little Bitter Lake), non ha provocato rallentamento ad altre navi, a differenza della Ever Given che invece paralizzò per una settimana il traffico marittimo di mezzo mondo.

La Grace Emilia è stata successivamente disincagliata ed è approdata qualche giorno dopo a Malta per un'ispezione. Al termine della quale le autorità marittime l'hanno autorizzata a salpare verso lo stabilimento Fincantieri di Palermo. Nell’occasione, la compagnia Nyk Line aveva dichiarato che "nessun guasto meccanico ha causato l'accaduto"; mentre per le autorità egiziane "la nave avrebbe avuto un problema al timone".

Costruita nel 2021, lunga 297 metri e larga 46, la maxi lng-tanker ha una capacità di trasporto pari a 174 mila metri cubi è fra le più grandi al mondo. E' noleggiata con contratto pluriennale alla compagnia indiana Gail ed è dotata di motori a bassa velocità e a doppia alimentazione Wingd (o con gasolio o con gas in ebollizione immagazzinato nel serbatoio).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era rimasta incagliata nel Canale di Suez: la metaniera Grace Emilia ai Cantieri navali per riparazione
PalermoToday è in caricamento