Cronaca

Cantieri lavoro, selezioni in alto mare: i disoccupati non sanno come partecipare

A due settimane dalla chiusura del bando per i progetti finanziati dalla Regione, l'Amministrazione non ha reso noti i criteri di selezione. Il comune: "Attendiamo comunicazioni ufficiali". Ma a Cinisi e Terrasini le cose vanno diversamente

Cantieri lavoro a Palermo (foto archivio)

Cinquanta milioni di euro per i cantieri lavoro, ma della selezione dei lavoratori neanche l'ombra. Mancano poco più di due settimane alla chiusura del bando per i "cantieri lavoro" finanziati dalla Regione, ma l'amministrazione comunale non si è ancora attivata per garantire entro i tempi stabiliti il reclutamento dei lavoratori che, anche se temporaneamente, potrebbero portare a casa uno stipendio di circa 600 euro mensili.

La Regione ha assicurato lo stanziamento di 50 milioni di euro, quelli sufficienti per far partire almeno un progetto per ogni comune. Di fatto, su un totale di 390, sono 374 le amministrazioni comunali siciliane ad aver presentato le domande. E mentre i comuni di Cinisi (LEGGI IL BANDO) e Terrasini (LEGGI IL BANDO) hanno reso noti i requisiti e le proporzioni di assegnazione dei posti disponibili, l'amministrazione palermitana tarda a fornire comunicazioni. "Non possiamo cominciare - hanno spiegato dal comune al Giornale di Sicilia - perché la Regione non ha comunicato ufficialmente i criteri di selezioni. Se ne fossimo a conoscenza potremmo anche iniziare. Non avendo ricevuto alcuna comunicazione, il comune - concludono - non può neanche iniziare a raccogliere le domande".

LEGGI ANCHE - IL PROGRAMMA: SCUOLE E PULIZIA AREE VERDI

Il bando delle selezioni (LEGGI), però, è noto sin dalla sua pubblicazione sul sito della Regione, la quale ha ricordato tramite diversi canali quali siano i criteri che disoccupati ed inoccupati devono rispettare per poter prendere parte ai progetti. E' necessario avere un'età compresa tra i 18 ed i 65 anni, con un reddito non superiore ai 442, 30 euro mensili (nel caso in cui il soggetto non abbia familiari a carico), potendo dimostrare di non avere patrimoni mobiliari ed immobiliari. Ma ai ritardi della burocrazia nel rapporto comune-regione potrebbe sopperire l'Inps. "La Regione - spiegano dall'amministrazione - passerà i fondi per i cantieri direttamente all'Inps che, una volta incamerati i dati dei lavoratori che hanno presentato la domanda, erogherà i soldi per gli stipendi mensili".

Sono diversi i lettori di PalermoToday che tramite mail o sulla fan page Facebook hanno chiesto informazioni sull'accesso ai cantieri lavoro. Oltre una settimana fa, anche la redazione si era messa in contatto con gli uffici comunali per avere delucidazioni, non ricevendo però alcuna risposta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri lavoro, selezioni in alto mare: i disoccupati non sanno come partecipare

PalermoToday è in caricamento