Controlli dei carabinieri nei cantieri edili: 5 denunce a Campofiorito

Appalti pubblici con operai non messi in regola: scattano sanzioni per 154 mila euro. Rilevate diverse violazioni del testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro

Ammende, sanzioni e cinque denunce. E' il bilancio dei controlli sulla sicurezza del lavoro nel Palermitano effettuati dai carabinieri di Campofiorito e dai militari del nucleo operativo del gruppo carabinieri tutela del Lavoro, che sono stati impegnati in una serie di verifiche per vigilare sul regolare svolgimento dei lavori pubblici. Realizzati accertamenti nei confronti di alcune ditte che operano all'interno dei cantieri edili per lavori appaltati dalla amministrazione comunale per la realizzazione di un asilo nido e di una palestra.

Rilevate diverse violazioni del testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro con la contestazione di ammende pari a 154 mila euro e sanzioni amministrative pari a 16 mila euro. Si è proceduto inoltre alla denuncia di cinque persone e a sanzionare e sospendere due attività imprenditoriali, per l'impiego di lavoratori subordinati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro. 

"Si tratta di un altro risultato positivo ottenuto grazie alla costante attività di prevenzione e di controllo - dicono i carabinieri -. L'intervento, svolto in sinergia, ancora una volta ha garantito la tutela dei cittadini, in questo caso nel contrasto del lavoro nero. Rimarrà alta l’attenzione per scoraggiare condotte illecite a tutela degli operatori del settore che svolgono l’attività professionale in modo consono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento