menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tutto fermo in via Amari (foto Marco Picone - Amari Cantieri)

Tutto fermo in via Amari (foto Marco Picone - Amari Cantieri)

Niente stipendi, scioperano gli operai: tutto fermo nel cantiere di via Amari

I lavoratori della Tecnis impegnati nella realizzazione dell'anello ferroviario si bloccano per protesta. Intanto Vozza, leader di Noi con Salvini a Palermo, fa sapere: "Denunciato per diffamazione da Orlando"

"Questa mattina non si lavora". Gli operai della Tecnis impegnati nella realizzazione dell'anello ferroviario sia in via Emerico Amari sono fermi. I lavoratori hanno deciso di interrompere le operazioni perché non hanno ancora ricevuto due mesi di stipendio (c'è chi denuncia invece quattro mesi di arretrati). Il passaggio dall'amministrazione giudiziaria a quella ordinaria, dopo il dissequestro della Tecnis risalente alla scorsa settimana, avrebbe infatti allungato i tempi. Gli operai hanno deciso di fermarsi (in basso il video tratto dalla pagina Facebook "Amari cantieri"), poi si sono riuniti in piazza della Pace per un "summit".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 La società catanese e suoi beni - dopo la decisione del tribunale etneo - negli scorsi giorni erano stati restituiti ai proprietari Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice, su richiesta della Procura. I lavoratori questa mattina hanno presidiato il cantiere di via Amari (stessa situazione in viale Lazio) dando vita allo stato di agitazione indetto da Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil. Poi il "liberi tutti".

Intanto Francesco Vozza, leader di Noi con Salvini a Palermo, fa sapere "di essere stato querelato da Leoluca Orlando per diffamazione". "Ho avuto il privilegio - dichiara in una nota il salviniano - di essere stato denunciato dal sindaco in persona: da quello che mi pare di aver capito - spiega il referente provinciale di NcS - il motivo della querela è da ricercare nel mio impegno in difesa dei commercianti e dei residenti della mia Emerico Amari, ormai da mesi ostaggi di infiniti lavori pubblici che stanno rovinando le loro vite. Per me, dunque, questa denuncia è una medaglia al valore. Anzi, nei prossimi giorni - conclude Vozza - continuerò con forza a dare pieno sostegno all'associazione Amari Cantieri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento