menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantiere navale, l'allarme: "Tutto fermo, inizio dei lavori ancora lontano"

La preoccupazione dei sindacati: "Slitta l'avvio degli interventi per il bacino da 80 mila tonnellate, stoppata anche l’infrastruttura da 150 mila"

“Purtroppo, dalle verifiche che abbiamo fatto all’assessorato Attività Produttive della Regione siciliana, risulta che siamo ancora bel lontani dall’inizio dei lavori per il bacino da 80mila tonnellate per il Cantiere Navale”. Ad affermarlo è il segretario della Fiom Cgil Palermo Angela Biondi, che aggiunge: ”La concreta realtà, al di là delle entusiastiche notizie diffuse alle stampe, è che è stato sostituito con una delibera di giunta il termine ‘costruzione’ con ‘riparazione’. Tutto qui. Ma da questo alla realizzazione delle opere per il bacino sono ancora necessari parecchi atti. L’unica verità è che è ancora tutto fermo, non solo per quanto riguarda il bacino in questione ma anche per l’infrastruttura da 150mila il cui finanziamento è ancora bloccato al ministero, nonostante gli impegni presi dal Ministro Delrio un anno fa, proprio all’interno del cantiere durante un incontro con il sindacato. Infatti, in quell'occasione il ministro ha condiviso l'urgenza dello stanziamento anche per non trasformare in spreco gli oltre 25 milioni di euro già spesi dall’Autorità Portuale per opere di bonifica e consolidamento. Ma da allora niente è stato fatto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento