Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Ancora nessun accordo per la vertenza Almaviva, Orlando: "Tutela dei lavoratori è irrinunciabile"

A vuoto il lungo vertice ministeriale di ieri, al quale hanno partecipato anche il sindaco e l'assessore al Lavoro. Comune e sindacati ribadiscono "la centralità della clausola sociale per un rapido riassorbimento" degli operatori. Venerdì, giorno del passaggio a Covisian, un'altra riunione

Ennesimo nulla di fatto al termine del nuovo tavolo convocato per la vertenza Almaviva. Nel pomeriggio di ieri c'è stata una riunione in via telematica alla quale hanno partecipato il sindaco Leoluca Orlando, l'assessore comunale al Lavoro, Giovanna Marano, il direttore generale e il capo di gabinetto del ministero del Lavoro, i rappresentanti di Covisian, Almaviva e Ita e i sindacati. Le parti sono rimaste molto distanti e il tavolo è stato riaggiornato a venerdì.

Con il cambio di appalto da Almaviva a Covisian del servizio clienti Ita (ex Alitalia) ci sono 621 lavoratori a rischio, la maggior parte della sede di Palermo. Le proposte formulate finora riguardano l'assorbimento di 100 dipendenti. Numeri definiti inaccettabili da sindacati e istituzioni che chiedono la piena applicazione della clausola sociale. Intanto il tempo stringe perché dal 15 ottobre Covisian dovrebbe iniziare a gestire il servizio clienti della compagnia aerea.

"Covisian - hanno detto Orlando e Marano - continua a non presentare un piano di applicazione della clausola sociale in spregio di lavoratrici e lavoratori e dell'intero territorio. Ribadiamo l'irrinunciabilità per ragioni sociali e giuridiche della norma della clausola sociale prevedendo un percorso rapido di riassorbimento di tutte le lavoratrici e i lavoratori coinvolti. Un percorso che si accompagni all'adozione di ammortizzatori più sostenibili e meno onerosi socialmente. Per la tutela di un intero settore economico auspichiamo un ripensamento da parte di Covisian e Ita".

"Abbiamo ribadito - dicono dalla Uilcom Sicilia - la centralità della clausola sociale. Non possiamo chiudere un accordo se questo non viene recepito. Da Covisian abbiamo ricevuto la stessa proposta dei giorni scorsi, che è irricevibile. Siamo agli sgoccioli e dobbiamo capire cosa fare. Abbiamo ribadito l'esigenza di applicare a rotazione gli ammortizzatori sociali, coniugati con la formazione. Abbiamo anche chiesto a Ita quali servizi aggiuntivi darà per potere prevedere la lavorazione su Palermo per raggiungere la piena occupazione. Il 14 sera Almaviva cessa il servizio sulla commessa e abbiamo ottenuto che per decisioni relative ai lavoratori si attenda l'esito del nuovo incontro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora nessun accordo per la vertenza Almaviva, Orlando: "Tutela dei lavoratori è irrinunciabile"

PalermoToday è in caricamento