menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fucili, pistole e giubbotti antiproiettile nascosti in un pub e un magazzino alla Cala: un arresto

Il proprietario dei due locali, il 47enne Antonino Milazzo, deve rispondere di detenzione illegale di armi da sparo, alterazione e detenzione di armi clandestine e ricettazione. Gli agenti della Digos sospettano che le armi siano servite anche per assalti a portavalori

Due depositi di armi e munizioni sono stati scoperti dagli agenti della Digos all'interno della birreria "The navy", alla Cala, e in un magazzino in corso Vittorio Emanuele. Il proprietario dei due locali è Antonino Milazzo, 47 anni, arrestato per detenzione illegale di armi da sparo, alterazione e detenzione di armi clandestine e ricettazione.

Nel magazzino gli agenti hanno trovato un fucile calibro 12 sovrapposto, marca Sabatti (smontato in tre parti, con le canne segate e numero di matricola abraso); due cartucce calibro 20 marca Bornaghi; due cartucce calibro 12, marca Fiocchi; un coltello da caccia di colore nero; due giubotti antiproiettile di colore blu; un paio di guanti di colore nero; un giubotto invernale di colore nero. Accertamenti più approfonditi hanno permesso di appurare come il fucile sia oggetto di una rapina in abitazione, con sequestro di persona, perpetrata da quattro malviventi nel 2014.

Nel pub erano invece nascosta una pistola Beretta calibro 6.35, con caricatore rifornito con 7 proiettili calibro 6.35. Dagli accertamenti alla banca dati, la pistola è risultata rubata durante un furto in una abitazione del messinese nel 2011.

Ulteriori indagini sono in corso per appurare se le armi sequestrate siano state utilizzate per altri reati come rapine a furgoni portavalori. In sede di direttissima l’arresto è stato convalidato e l'arrestato è stato tradotto in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento