Cronaca

Caccamo, ritrovato dopo poche ore lo studente disperso

Il giovane, S.A., stava monitorando alcuni nidi di rapaci nelle montagne sopra la diga Rosamarina. A causa delle avverse condizioni meteo, non è riuscito a fare rientro al b&b e ha cercato riparo sotto una tettoia. Un pastore ha notato la sua presenza e ha dato l'allarme

Foto archivio

Un po' di paura ma nulla di più. Disavventura a lieto fine per un ragazzo - laureando della facoltà di Scienze Naturali - che ieri sera si era perso nelle montagne sopra la diga Rosamarina, a Caccamo. Il giovane naturalista stava monitorando alcuni nidi di rapaci, ma le condizioni meteo avverse con una fitta nebbia e copiose precipitazioni lo hanno messo in difficoltà e ha perso l'orientamento.

Gli uomini del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico della stazione di Palermo lo hanno ritrovato intorno alle 3 con un principio di ipotermia. S.A., 22 anni, aveva lasciato il b&b dove alloggiava e si era recato da solo in auto nella zona dell'invaso per monitorare alcuni nidi di rapaci. Con l'arrivo del buio e l'abbassarsi delle temperature lo studente, che peraltro non era vestito adeguatamente e non aveva con sè lampade o altre attrezzature di primo soccorso, si è rifugiato sotto una tettoia di lamiera cercando di lanciare l'allarme al 112 con il telefonino. Ma la ricezione nella zona, con pericolose pareti a picco sulla valata del fiume san Leonardo, è pressochè nulla.

Per sua fortuna un pastore della zona si è accorto della sua presenza e ha dato l'allarme. Sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso alpino, una pattuglia di carabinieri e una della forestale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccamo, ritrovato dopo poche ore lo studente disperso

PalermoToday è in caricamento