Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Buoni pasto e il riconoscimento del "tempo tuta" per i dipendenti della Seus 118

I componenti del Consiglio di amministrazione hanno comunicato ufficialmente ai sindacati che è disponibile la somma per procedere al pagamento dei buoni pasto relativi al 2023 e all'arretrato 2022

Via libera dal nuovo Cda della Seus a due istituti contrattuali che erano attesi da tempo dai dipendenti della società consortile che cogestisce il 118 in Sicilia: saranno garantiti per la prima volta, infatti, sia i buoni pasto che il riconoscimento all'interno dell'orario di lavoro del cosiddetto “tempo tuta” al personale che ne ha diritto.

I componenti del Consiglio di amministrazione - cioè il presidente Riccardo Castro, il vicepresidente Pietro Marchetta e Maria Stella Marino - hanno comunicato ufficialmente ai sindacati che è disponibile la somma per procedere al pagamento dei buoni pasto relativi al 2023 e all'arretrato 2022, così come previsto dal recente e nuovo contratto di servizio triennale siglato tra Seus e Regione.

Inoltre la Seus, così come stabilito dalla normativa in materia, considererà all'interno dell'orario di lavoro pure il tempo impiegato, 14 minuti, per indossare la tuta prima di svolgere l'attività lavorativa e dismetterla a fine turno.

Il presidente Riccardo Castro sottolinea: “I lavoratori della Seus assolvono ai propri doveri quotidianamente, con grande professionalità e spirito di sacrificio, salvando centinaia di vite umane. Il nuovo Cda, pertanto, è orgoglioso di avere accelerato e portato a compimento l'iter per riconoscere loro due diritti - i buoni pasto e il “tempo tuta” - che attendevano da anni”. Infine, durante il Cda è stato dato il via libera alla pubblicazione della gara per il prossimo affidamento del servizio di assicurazione dei mezzi di soccorso.

“L’impegno su buoni pasto e 'tempo tuta' è un ottimo primo passo ma chiediamo al nuovo Consiglio d’amministrazione di Seus di aprire un tavolo sindacale per iniziare un percorso comune con le forze sindacali”. A dichiararlo sono Marco Corrao e Claudio Marsiglia, rispettivamente segretario regionale con delega alla sanità e coordinatore regionale Seus della Cisl Fp Sicilia. “È positivo - affermano gli esponenti della Cisl Fp - che il mandato si apra con la volontà di riconoscere i diritti dei lavoratori e con volontà di collaborazione con le forze sindacali. Ribadiamo la nostra disponibilità a un confronto costruttivo che porti anzitutto a definire gli istituti contrattuali già discussi e a continuare la contrattazione decentrata che non può intendersi definita con la sola discussione sui buoni pasto e sul tempo tuta. Ci sono questioni - proseguono Corrao e Marsiglia -, come quella degli inidonei, che richiedono soluzioni strutturali e strutturate. E ancora, occorre che l’azienda dia seguito alle previsioni di legge in termini di bonus carburante e che la società entri in possesso del bonus Covid da erogare ai lavoratori”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buoni pasto e il riconoscimento del "tempo tuta" per i dipendenti della Seus 118
PalermoToday è in caricamento