"Buco da 61 milioni al Civico", dopo l'allarme dei sindacati arriva l'ispezione in ospedale

I componenti della commissione Sanità hanno passato cinque ore tra Civico e Di Cristina, incontrando anche il manager Roberto Colletti, alle prese anche con la nomina di direttori sanitari e amministrativi. Il sindacato Cimo: "Serve discontinuità rispetto ai responsabili del disavanzo"

L'ispezione della commissione Sanità all'Ars

Gli ispetori negli ospedali Civico e Di Cristina. Dopo le audizioni di sindacati e medici la VII commissione regionale Sanità, guidata da Margherita La Rocca Ruvolo, ha trascorso quasi cinque ore nelle due strutture ospedaliere per verificare problemi e criticità sollevate nel tempo e che, secondo l’assessorato alla Salute, avrebbero contribuito a creare un disavanzo per l’azienda Arnas Civico di 61 milioni di euro. Come certificato dalla Regione nel decreto assessoriale 786/2019 dall’Agenzia ministeriale per i servizi sanitari.

Dopo i sopralluoghi nei due ospedali i componenti della commissione hanno incontrato il direttore generale Roberto Colletti per fare il punto della situazione, chiedendogli successivamente di predisporre un piano di rientro per contenere le perdite e riportare al centro di attenzioni e sforzi l’erogazione di prestazioni che, diversamente, rischiano di avvantaggiare il settore privato. In poche parole bisogna invertire il trend e per farlo si dovrà intervenire su un altro tasto dolente.

Sono scaduti infatti i 15 giorni concessi dall’assessore Ruggero Razza (dalla firma dei contratti dei supermanager) per nominare i direttori amministrativi e sanitari, fondamentali per mandare avanti la baracca. Un ritardo condizionato dalla politica e dal concomitante appuntamento elettorale delle europee. Per i sindacalisti del Cimo il disavanzo da 61 milioni, “pari al 40% dell’intero deficit di tutte le aziende ospedaliere, è ascrivibile per intero alla passata gestione affidata a Giovanni Migliore e Lia Murè” e proprio per questo - nel pieno delle toto nomine - chiedono un “chiaro segnale di discontinuità”.

“Da due audizioni dei sindacati - ha spiega Margherita La Rocca Ruvolo, deputata regionale eletta alle regionali in quota Udc - sono emerse diverse criticità, quindi abbiamo assunto l’impegno di verificare per vederci chiaro e per tentare di risolvere, in sinergia con il governo regionale, i problemi riscontrati. La commissione ha invitato il direttore generale a procedere celermente verso una soluzione delle questioni aperte, attendiamo adesso una sua relazione per capire quali iniziative saranno messe in campo, la nostra attenzione sarà massima”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Attrezzature comprate e mai usate", ecco il dossier

Numerosi i problemi segnalati, già un anno fa, dal sindacato Cimo: “Sprechi per finanziare corsi di formazione per implementare i modelli organizzativi mai concretamente applicati, l’annuncio della creazione della Cardiochirurgia pediatrica che avrebbe dovuto essere unica struttura regionale al servizio dei cardiopatici congeniti e che in questo momento non trovano altro riferimento a livello regionale. Ad oggi
nonostante una spesa di 1,3 milioni e nonostante la struttura sia completa, non è stata ancora attivata; il mancato trasferimento all’Ospedale dei bambini dell’oncoematologia pediatrica; problemi nel funzionamento del pronto soccorso; l’assenza di una risonanza magnetica funzionante; la presenza di condizioni di lavoro infermieristiche pessime; la carenza del laboratorio durante le ore notturne”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento