Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Manutenzione delle strade al palo: ecco perché a Palermo le buche vengono transennate ma non si riparano

Il servizio - fino a luglio dello scorso anno svolto da Rap - è scoperto ed è destinato a rimanere tale anche per buona parte del 2022, perché non sono partite le gare per l'affidamento ai privati. L'ex municipalizzata al momento effettua solo il monitoraggio e piccoli rattoppi. E in città le "ferite" nell'asfalto diventano voragini

A Palermo le buche vengono transennate ma non riparate. Eccetto quelle più piccole. Il motivo è semplice: il servizio di manutenzione strade e marciapiedi è "scoperto". A luglio del 2020 il Comune l'ha tolto dal contratto di servizio della Rap, che al momento effettua solo monitoraggio e pronto intervento per le emergenze. 

Ciò riduce le riparazioni a qualche rattoppo "volante", insufficiente a far fronte al numero - sempre più elevato - di buche pericolose. In città sono disseminate ovunque e sono la spia di una manutenzione stradale oggi assente e negli ultimi anni parecchio trascurata. La Rap infatti, fino a quando si è occupata del rifacimento strade, non ha affatto brillato per efficienza. Ora il servizio non c'è proprio e rischia di non esserci per buona parte del 2022. Nel frattempo le "ferite" nell'asfalto diventano voragini e il Comune continua a pagare risarcimenti alle vittime delle buche. 

Con la svolta voluta dall'amministrazione comunale, la manutenzione di strade e marciapiedi verrà effettuata attraverso un accordo quadro di quattro anni (per un totale di 40 milioni). Accordo che però non è ancora partito, sebbene il Rup Emilio Di Maria abbia già predisposto i bandi di gara. E così gli interventi più grossi, e spesso pure quelli di piccola entità, al momento non vengono eseguiti. 

La Rap, che può contare su cinque squadre composte da tre operai (più due autisti, due tecnici e un amministrativo), si limita a segnalare con le transenne le buche più pericolose ed a coprire quelle meno profonde con bitume a freddo. "Pezze" che certe volte sono peggiori del buco, perché con il transito dei mezzi o le piogge l'asfalto si sbriciola nuovamente. Dal primo gennaio al 31 agosto, la Rap fa sapere di aver effettuato 9.468 interventi per l'eliminazione degli stati di pericolo: e cioè transennamenti di voragini e macchie d'olio, coperture di piccole buche. Solo una parte di questi interventi (la Rap non ha fornito un dato scorporato), dunque, riguarda le riparazioni. "Quando transenniamo cedimenti stradali o fognari - spiegano dall'ex municipalizzata - significa che non li possiamo riparare, perché prima dovrebbero intervenire le società che hanno la titolarità sui sottoservizi".

Il 30 settembre scade la proroga del servizio di pronto intervento ed emergenza affidato alla Rap con ordinanza del sindaco. Verosimilmente però verrà prolungata, visto che l'accordo quadro per la manutenzione ordinaria e straordinaria di strade e marciapiedi ha tempi ancora lunghi. "Il Rup - dice Antonino Randazzo, consigliere comunale del M5S - ha predisposto i bandi di gara, che però non possono essere inviati all'Urega perché manca il piano triennale delle opere pubbliche. L'amministrazione ha riproposto il piano bocciato ad aprile dal Consiglio, che ritornerà in Aula la prossima settimana. In tutti i casi servirà dell'altro tempo per espletare le gare". 

Il Comune ha suddiviso la città in otto lotti, corrispondenti grosso modo alle circoscrizioni, che verranno assegnati ad otto aziende diverse. Ogni ditta non potrà ottenere più di un lotto. Le procedura di gara per l'affidamento del servizio ai privati, secondo il consigliere Randazzo, "potrebbero durare diversi mesi. Palermo è così destinata a rimanere senza manutenzione di strade e marciapiedi anche nella prima parte del 2022. Una situazione che credo non abbia precedenti in altre città italiane". Ma c'è un ultimo potenziale problema: "Il Comune non ha ancora approvato il bilancio di previsione - conclude l'esponente del M5S -. Siamo sicuri che ci sia la disponibilità delle somme?". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manutenzione delle strade al palo: ecco perché a Palermo le buche vengono transennate ma non si riparano

PalermoToday è in caricamento