menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il deposito scoperto dalla polizia

Il deposito scoperto dalla polizia

Smart rubate per ottenere pezzi di ricambio: scoperto deposito a Brancaccio

Il magazzino era ben organizzato, con tanto di scaffalature e catalogo delle parti disponibili. Trovate anche le carcasse di quattro auto rubate

Era un vero e proprio magazzino parallelo di ricambi auto quello che la polizia ha scoperto nel cuore di Brancaccio. A condurre, pur senza volerlo, gli agenti al box sono stati due giovani che al passaggio di una volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico in cortile Scaffa sono scappati. La loro fuga ha convinto i poliziotti che la zona potesse essere l’epicentro di un'attività illecita e, con la collaborazione di altre pattuglie, hanno passato al setaccio l’intero rione.

All’interno di un edificio in stato di abbandono, non lontano dal luogo in cui erano stati avvistati i due giovani poi fuggiti, la sorprendente scoperta: un ambiente apparentemente buio e desolato era stato adibito a vero e proprio magazzino di autoricambi per Smart, con tanto di scaffalature e catalogazione di parti di carrozzeria e meccaniche. A breve distanza, nei pressi di un secondo magazzino abbandonato, sono state rinvenute le carcasse di quattro Smart risultate rubate. Attraverso il numero di telaio si è risalito ai proprietari e le vetture sono già state riconsegnate. Le parti meccaniche e di carrozzeria sono, invece, state affidate in custodia giudiziale.

Secondo la polizia "è plausibile che le vetture fossero state rubate non già per proporne la restituzione ai proprietari dietro esborso di denaro, ma per alimentare il ben più lucroso mercato paralleo dei ricambi auto e delle officine meccaniche clandestine che, specie nei quartieri popolari palermitani, trovano tradizionalmente un ambiente propizio". Indagini sono in corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento