Cronaca Brancaccio

Cacciatori di “oro rosso” colti in flagrante: due arresti a Brancaccio

Tre persone sono state sorprese dalla polizia mentre stavano rubando grossi cavi dell’alta tensione da un deposito di Trenitalia. Hanno tentato la fuga, ma solo uno di loro è riuscito a sfuggire alla cattura

Un deposito di Trenitalia finisce ancora nel mirino dei cercatori di “oro rosso”. La polizia la notte scorsa ha arrestato i pregiudicati A.A. di 33 anni e G.V. di 37 con l’accusa di furto di rame.

I due sono stati “pescati” dalla polizia ferroviaria all’interno del deposito di Trenitalia, nel locale “locomotive” nella zona di Brancaccio. I sospetti sono stati visti mentre frettolosamente trasportavano lungo i binari della vicina strada ferrata grossi cavi dell’alta tensione.

I malviventi, dopo avere abbandonato la refurtiva ed un borsone con attrezzi vari, hanno cercato di fuggire. Due sono stati bloccati dagli agenti, mentre un terzo complice è riuscito a sfuggire alla cattura. Il rame, una grossa quantità di cavi di alta tensione per un peso di circa 200 chili, è stato riconsegnato ai responsabili di Trenitalia. Mentre oggi è stato convalidato l’arresto dei due pregiudicati, per i quali sono stati disposti i domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cacciatori di “oro rosso” colti in flagrante: due arresti a Brancaccio

PalermoToday è in caricamento