In casa e nel box 18 coltelli, armi e 5 panetti di hashish: un arresto a Brancaccio

In manette un uomo di 38 anni. La polizia ha trovato, e sequestrato, anche alcune cartucce da caccia e una macchinetta per il confezionamento artigianale dei proiettili

Le armi e la droga sotto sequestro

Diciotto coltelli affilati, munizioni, una carabina ad aria compressa modificata e hashish. E' il "tesoretto" trovato in un appartamento di Brancaccio e in un box nei pressi del Policlinico dalla polizia, che ha arrestato Antonino Calafiore, 38 anni. L'uomo, palermitano con precedenti di polizia, deve rispondere di detenzione di armi clandestine e possesso di sostanze stupefacenti. 

Complessivamente nell'appartamento dell'uomo sono stati sequestrati diciotto coltelli con lame lunghe tra gli 8 ed i 15 centimetri, di cui 11 a serramanico, 3 con meccanismo a scatto, 2 da caccia e 2 a lama fissa. Sotto sequestro anche fondine per pistola, un salvapercussore e una pistola a salve priva di tappo rosso, esattamente identica a un modello vero.

La perquisizione è stata poi estesa anche a un box, nella zona del Policlinico, usato dall’arrestato (la chiave era stata trovata in casa durante la perquisizione). Qui sono stati trovati alcuni pneumatici accatastati, cinque panetti di hashish per un peso complessivo di 500 hashish, munizioni calibro 7,65, un caricatore per pistola dello stesso calibro, alcune cartucce da caccia, altri 4 coltelli a serramanico e una macchinetta per il confezionamento artigianale dei proiettili.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento