Boss Bartolone positivo al Coronavirus: ex fedelissimo di Provenzano isolato in carcere

Si tratta di uno dei due detenuti nella struttura penitenziaria di Saluzzo, in provincia di Cuneo, risultati contagiati in questi giorni. Il mafioso bagherese sta scontando 14 anni per estorsione. E adesso potrebbe beneficiare della sospensione e del differimento della pena

Carmelo Bartolone, 64 anni, boss di Bagheria, è positivo al Coronavirus. Si tratta di uno dei due detenuti del carcere di Saluzzo, in provincia di Cuneo, risultati contagiati in questi giorni. Bartolone è un ex fedelissimo e protettore della latitanza di Bernardo Provenzano, al punto che "Binnu" l'aveva incaricato di gestire le sue comunicazioni riservate. Nel 2013 si era costituito in ospedale, al Civico di Palermo, dopo avere accusato un malore.

carmelo bartolone-2Ritenuto dagli investigatori esponente di spicco del mandamento mafioso di Bagheria, Bartolone era già arrestato nel 2005, nell'ambito dell'operazione “Grande Mandamento” messa a segno dalla polizia. Una volta tornato in libertà era sfuggito alla cattura nell’operazione dei carabinieri “Argo” del maggio 2013. Il boss era poi scomparso a dicembre all'improvviso da Bagheria poiché aveva timore di essere ucciso dai nuovi capi di Cosa nostra della provincia. Era infatti un morto che camminava. Lo sapevano tutti a Bagheria. Forse per via di alcuni investimenti sbagliati fatti con i soldi del clan. Così, quando si recò all'ospedale Civico, disse di essere un latitante e di volersi costituire. Dopo i controlli medici, fu arrestato e trasferito al carcere dell'Ucciardone. 

Bartolone ha scontato la sua reclusione poi nel carcere di Bologna. Quindi il recente trasferimento nella struttura penitenziaria di Saluzzo che in totale ospita 480 detenuti. Bartolone è stato attualmente isolato dal resto della popolazione carceraria, nell'infermeria. A Saluzzo sta scontando 14 anni di carcere per estorsione. "E adesso potrebbe beneficiare della sospensione e del differimento della pena", come si legge sul Giornale di Sicilia.

"Il detenuto che arriva dall'Emilia era stato messo come gli altri in quarantena ma i sintomi e la presenza del virus si sono manifestati comunque", ha spiegato Paolo Allemano, ex sindaco di Saluzzo, medico e garante della casa di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento