Università, borse di studio in aumento: sono 6 mila per l'anno accademico 2017/18

Le assegnazioni sono in crescita rispetto agli anni precedenti: sono state 3.535 nel 2016/2017 (+69,73%) e 3.174 nel 2015/2016 (+89,03%). Il commissario straordinario Ersu, Giuseppe Amodei: "Risultato frutto delle sinergie e della sintonia con la mission dell’assessore Lagalla"

La sede dell'Ersu

Sono seimila le borse di studio assegnate agli studenti universitari che hanno partecipato al bando di concorso per l’anno accademico 2017/2018. A comunicare il dato è l'Ersu. Si va da un minimo di 1.287 euro a un massimo di 3.919 euro. Il dato è provvisorio in quanto gli studenti del primo anno possono conseguire i crediti formativi necessari al riconoscimento del requisito entro il 30 novembre. Le assegnazioni sono in crescita rispetto agli anni precedenti: sono state 3.535 nel 2016/2017 (+ 69,73%) e 3.174 nel 2015/2016 (+ 89,03%).

“Quest’anno siamo riusciti a raddoppiare le risorse - l’assessore regionale all’Istruzione e Formazione, Roberto Lagalla - per finanziare le borse di studio a disposizione degli studenti, venendo così incontro all’accresciuta richiesta da parte degli stessi. È quindi evidente l’impegno del governo Musumeci nel farsi garante del diritto allo studio di tanti giovani siciliani, che da troppo tempo ne reclamano il rispetto. Su questo si continua a lavorare, attivando risorse e strumenti capaci di garantire pari opportunità nell’accesso alla conoscenza e ai servizi. In particolare, a breve sarà discussa in assemblea la legge sul diritto allo studio, già deliberata dal governo e ora in attesa dell’auspicabile approvazione parlamentare, che darà finalmente alla Sicilia uno strumento normativo capace di sostenere l’intero percorso educativo dei giovani studenti siciliani”.

 “Il risultato ottenuto per l’anno accademico che si avvia alla conclusione – sottolinea il commissario straordinario Ersu, Giuseppe Amodei – conferma il ruolo delle istituzioni regionali preposte alla garanzia del diritto allo studio in Sicilia. Un risultato frutto soprattutto delle sinergie e della massima sintonia con la mission dell’assessore Lagalla che ha inserito tra gli obiettivi prioritari il tema del diritto allo studio in Sicilia, anche attraverso un aumento dei servizi e delle borse di studio erogate, come confermato dalla volontà del suo disegno di legge di riforma che potrà consentire il definitivo rilancio del settore. Un’intenzione e un’inversione di tendenza che trova conferma concretamente nel maggiore numero di borse di studio assegnate dall’Ersu rispetto al recente passato":

Intanto, il 2 ottobre prossimo sarà pubblicato l’elenco dei partecipanti al concorso per l’anno accademico 2018/19 che potrà essere rettificato o integrato dagli interessati entro le 14 del 13 ottobre 2018, secondo le modalità previste dal bando. Quindi, il 18 ottobre verrà pubblicata la graduatoria definitiva dei servizi abitativi per gli studenti del primo anno, mentre il 31 ottobre sarà la volta della graduatoria dei servizi abitativi per gli studenti del secondo anno e successivi nonché della graduatoria delle borse di studio. In tutto sono a concorso 757 posti letto (732 per la sede di Palermo e 25 per la sede di Caltanissetta).

 Confermate le novità per il servizio di ristorazione per il quale, oltre a una migliore qualità e capillarità del servizio, sono previste sei nuove sale di ristorazione presso tutte le residenze universitarie di Palermo (Santi Romano, San Saverio, Schiavuzzo, Casa del Goliardo, Biscottari, Santissima Nunziata) anziché le due precedenti sedi. I lavori di allestimento sono attualmente in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

Torna su
PalermoToday è in caricamento