Donati alle donne di Borgo Vecchio prodotti per l’igiene intima e assorbenti

L'iniziativa delle attiviste di Non una di meno in collaborazione con l’Ambulatorio popolare del centro sociale Anomalia

Centinaia di buste contenenti assorbenti e prodotti per l’igiene intima sono state distribuite alle donne di Marsala dalle socie del circolo Arci Scirocco e dalle operatrici diMarhaba Onlus e alle donne del quartiere popolare Borgo Vecchio di Palermo dalle attiviste di Non una di meno in collaborazione con l’Ambulatorio popolare del centro sociale Anomalia.

"Rendiamo noto - spiegano da Anomalia - che l'Ambulatorio  ha riaperto i battenti, dopo la chiusura forzata dovuta al lockdown, proprio con le  visite ginecologiche e che è possibile prenotare chiamando al numero 3281940806. Con la distribuzione di oggi si ha una prima concretizzazione della solidarietà espressa da tante donne che, in quest'ultimo mese, hanno contribuito  alla campagna di raccolta fondi  “La solidarietà delle donne è lotta”, raccolto prodotti di prima necessità per le donne quali detergenti per l’igiene intima e assorbenti. Oltre ai prodotti alimentari e a quelli per l’igiene personale e della casa, per le donne sono beni di prima necessità anche i detergenti per l’igiene intima, gli assorbenti, i tamponi e le coppette mestruali, nonostante a tutti questi prodotti in Italia sia ancora applicata l’iva al 22%, cioè quella che viene applicata a tutti i prodotti non considerati essenziali. Forse ancora sfugge a chi ci governa, ma noi donne abbiamo il ciclo ogni 28 giorni e gli assorbenti sono un’esigenza che si ripete ogni mese. Facendo due calcoli ogni donna, durante il periodo fertile, consuma tra i diecimila e i 14mila assorbenti".

"Guardiamo con interesse all'esempio scozzese, svedese e neo zelandese e con questa iniziativa miriamo a sollecitare l'interesse delle nostre istituzioni: in questi Paesi, infatti, sono stati approvati dei provvedimenti parlamentari con cui si intende far diventare gratuiti assorbenti e tamponi - afferma Simona Paladino di Arci Scirocco - I mesi di quarantena che ci siamo lasciate alle spalle per molte donne hanno significato lasciare lavori precari, in nero e sottopagati a fronte di un aumento del lavoro di cura che ha continuato a gravare sulle nostre spalle all’interno delle mura domestiche. Le scarse misure di supporto annunciate dal governo hanno completamente dimenticato le donne".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo tema - aggiungono le donne di Nudm Palermo - è intimamente legato alla condizione delle donne in un mondo dove il dominio patriarcale è  norma e riflesso di una società guidata dalle disuguaglianze di genere. Ed è una questione da non sottovalutare. Compromette l’accesso all’educazione, alle opportunità, all’indipendenza e al mondo del lavoro. Affermiamo ancora una volta che la società può essere organizzata su nuove basi, che è possibile una vita senza violenza patriarcale e razzista e libera dallo sfruttamento, partendo dalla solidarietà attiva tra donne. E’ ancora possibile contribuire alla raccolta di beni di prima necessità per le donne contattando attraverso i canali social il circolo Arci Scirocco di Marsala e Non una di meno Palermo o attraverso il crowdfunding ancora attivo sulla piattaforma gofundme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento