"Ventimila articoli non sicuri e lavoratori in nero", blitz in un grande magazzino a Borgetto

La guarda di finanza è intervenuta in un esercizio commerciale inaugurato nei giorni scorsi. Denunciato il titolare di etnia cinese. Sequestrati anche giocattoli e cosmetici, alcuni privi di marchio CE mentre in altri era presente ma contraffatto. Irregolari 2 impiegati su 5

In un grande magazzino appena inaugurato oltre ventimila oggetti che non rispettano le normative sulla sicurezza e, a servire i clienti, due lavoratori in nero. E' quanto ha scoperto la guardia di finanza a Borgetto.

All'interno del negozio, inaugurato da pochi giorni da imprenditori di nazionalità cinese, i finanzieri hanno trovato "oltre 20.000 articoli tra
materiale elettrico ed elettronico, giocattoli, articoli per la casa, piccola pelletteria, orologi, cosmetici, gadget di vario genere e dispositivi informatici non conformi alla normativa sulla sicurezza, contraffatti e riproducenti un marchio Ce fasullo". Altri invece erano del tutto privi del marchio, che attesta la conformità alle disposizioni vigenti in tema di sicurezza. Dai controlli è poi emerso che su cinque lavoratori, due svolgevano l’attività completamente "in nero".

Le immagini del sequestro | VIDEO

Il responsabile, di etnia cinese, è stato denunciato per "contraffazione e utilizzo di segni mendaci" ed è stato segnalato alla Camera di
Commercio per la multa, che potrà andare da 516,46 a 25.823 euro. Per quanto concerne le violazioni in materia di lavoro, invece, è
stata avanzata all’ispettorato provinciale la proposta di sospensione dell’attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Resta alta - si lgege in una nota della guardia di finanza - l’attenzione a tutela della legalità economico-finanziaria, della sicurezza e della salute dei consumatori i quali, spesso, sono attratti da prodotti economicamente più convenienti ma ignari della loro non conformità agli standard di sicurezza":
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento