Bonus Covid ridotto, la Fials 118: "Che amarezza, ennesima promessa non mantenuta"

Il riconoscimento mensile da mille euro varato dall’Ars alla fine si ridurrà a un indennizzo erogato per soli tre mesi e a un massimo di 5 mila lavoratori. La nota diramata dalla Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità: "Enorme sconcerto"

“Grande delusione ed enorme sconcerto di fronte ad una promessa infranta, fatta in pompa magna ma elusa in totale silenzio. Noi continueremo a svolgere diligentemente la nostra missione e a difendervi da questo nemico subdolo e meschino che, non lo nascondiamo, ci fa ancora paura, nella speranza che tanto coraggio non vada dimenticato”. Lo scrivono in una nota i lavoratori della Fials 118, commentando la notizia che il bonus mensile da mille euro varato dall’Ars alla fine si ridurrà a un indennizzo erogato per soli tre mesi e a un massimo di 5 mila lavoratori. “Una promessa infranta, un riconoscimento venuto meno” commentano in una lettera aperta alla politica.

“La scorsa primavera – scrivono - nel pieno della crisi causata, il governo regionale e l’Ars espressero il pregevole intento di premiare coloro che allora furono definiti “eroi", con un bonus mensile di 1000 euro netti a partire da marzo 2020, fino alla fine dello stato d'emergenza. Purtroppo a seguito dell’incontro del merito tra i sindacati e l’assessorato alla Salute, apprendiamo della impossibilità del governo regionale di mantenere quanto promesso”.

Il ministero dell’Economia e finanze ha imposto al governo regionale di limitare a 15 milioni l’utilizzo delle somme da attingere sul fondo sanitario regionale per destinarle ai bonus. La condizione dunque è quella di erogare l’incentivo solo per i mesi di marzo, aprile e maggio e per un numero limitato di lavoratori, pari a 5.000 unità, comprensivi di sanità pubblica che conta oltre 50 mila lavoratori nell’Isola e i tremila dipendenti della Seus 118.

“Noi non siamo dei facinorosi che invocano la rivolta dei soccorritori – chiarisce la Fials - non possiamo però esimerci dal mostrare la nostra grande delusione e il nostro enorme sconcerto di fronte ad una promessa infranta, fatta in pompa magna, ma elusa in totale silenzio. A questo punto non capiamo quale sia la considerazione reale che la politica ha di noi e del nostro lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento