Bolognetta-Lercara, completato l’iter per gli affidamenti dei lavori

A comunicarlo sono i sindacati di Fillea Cgil Palermo, Filca Cisl Palermo-Trapani e Feneal Uil tirrenica Messina-Palermo che oggi hanno incontrato il viceministro Giancarlo Cancelleri per chiedere l’applicazione delle clausole sociali che prevedono il riassorbimento dei circa 70 lavoratori

“Completato l’iter per gli affidamenti dei lavori relativi al completamento della Bolognetta-Lercara”. A comunicarlo sono i sindacati di Fillea Cgil Palermo, Filca Cisl Palermo-Trapani e Feneal Uil tirrenica Messina-Palermo che oggi hanno incontrato il viceministro Giancarlo Cancelleri per chiedere l’applicazione delle clausole sociali che prevedono il riassorbimento dei circa 70 lavoratori della Bolognetta scpa che da più di un anno sono fermi e posti in cassa integrazioni a causa dei problemi societari che hanno investito la più grande delle cooperative edili del paese, ovvero la Cmc.

“Finalmente si è concluso un lungo e complicato iter che da mesi ha interessato una delle più importanti opere infrastrutturali della provincia di Palermo”, dichiarano Piero Ceraulo segretario generale della Fillea Cgil di Palermo, Francesco Danese segretario Generale della Filca Cisl Palermo Trapani e Salvatore Puleo della Feneal Uil Tirrenica.

"Completati gli affidamenti, adesso bisogna applicare le clausole sociali e salvaguardare l’occupazione dei 70 lavoratori che dal mese di febbraio 2019 sono posti in Cigs a causa dell’avvio della procedura concorsuale da parte della Bolognetta scpa - dicono in coro i sindacati -. Abbiamo chiesto al Vice ministro di farsi garante delle clausole sociali, e convocare immediatamente un tavolo alla presenza delleditte affidatarie, di Anas nella qualità di stazione appaltante e di Bolognetta scpa nella qualità di contraente generale, proseguono i sindacati. Poiché da anni si attende il completamento di questa infrastruttura strategica, il riassorbimento dei lavoratori della Bolognetta servirà anche a rilanciare sul piano produttivo il cantiere garantendo cosi dei tempi di consegna non più derogabili".

"Chiediamo inoltre - prosegue la nota - che le aziende affidatarie sottoscrivano con le organizzazioni sindacali protocolli sulla sicurezza sia per Covid-19 sia per quelli istituzionali che riguardano gli orari di lavoro, le turnazioni, etc., pretendiamo le stesse tutele e gli stessi diritti per i lavoratori, perché vogliamo ribadire ancora una volta, che dietro le grandi opere ci sono i lavoratori, quelli che pagano il prezzo più alto in termini di rischio infortuni. Attendiamo dunque che arrivi a stretto giro questa convocazione e prendiamo positivamente l’impegno da parte del Vice Ministro che ha accolto le nostre richieste ed ha proposto che al tavolo debba presenziare il sottosegretario al lavoro Steni Di Piazza, proprio a voler confermare l’importanza della questione posta dalle organizzazioni sindacali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento