Bimbo di 18 mesi in overdose di coca, condannata la madre

Il piccolo nel dicembre 2011 aveva ingerito tracce di droga lasciate sul tavolo dai genitori e fu trasportato in ospedale in fin di vita. La donna è stata condannata a tre anni dal gup Lorenzo Jannelli, con il rito abbreviato, per maltrattamenti e lesioni aggravate

Fu ricoverato in fin di vita, nel reparto di rianimazione dell'Ospedale dei Bambini. Protagonista della vicenda un bimbo di 18 mesi. Poco dopo la polizia fermò la madre, una donna di 25 anni, tossicodipendente, accusata di maltrattamenti. Questa mattina la giovane è stata condannata a tre anni dal gup Lorenzo Jannelli, con il rito abbreviato, per maltrattamenti e lesioni aggravate.

Il bimbo fu portato dal nonno in ospedale, era in overdose di cocaina con segni di percosse e bruciature da cicche di sigaretta in tutto il corpo. Era il 5 dicembre 2011. Secondo il pm Ennio Petrigni, la donna avrebbe colpito il piccolo ripetutamente alla testa e al volto il piccolo. Fu il compagno della giovane (i due vivevano tra il quartiere storico Ballarò e Bagheria) a raccontare alla polizia le continue violenze della madre sui bambini.

A distanza di due anni e mezzo la venticinquenne è stata invece assolta dalla contestazione di aver permesso che il bimbo assumesse droga. I genitori erano entrambi accusati di lesioni gravi per aver lasciato sul tavolo tracce di cocaina che sono state ingerite dal bambino e dagli altri due figli. Accusa che resta in piedi solo per il padre che segue il rito ordinario. L'uomo ha ammesso di essere tossicodipendente e di fare uso da tempo di cocaina assieme alla compagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento