Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Mille chilometri in bici, pensionati padovani arrivano a Palermo: "Giù le mani dai deboli"

La gara di solidarietà di due veneti: mercoledì sbarcano in città per girare la Sicilia in sella a una bici da corsa e portare aiuti ad alcune famiglie in difficoltà. Tra gli obiettivi anche sensibilizzare le persone sui diritti dei bambini

I pensionati padovani che arriveranno a Palermo

Partiranno mercoledì 27 giugno, in nave, alla volta di Palermo, in Sicilia, dove inizieranno il tour dell’isola a bordo di due bici da corsa: mille chilometri in soli sei giorni per dire no a discriminazioni e soprusi e portare un piccolo aiuto ad alcune famiglie in difficoltà. “Giù le mani dai deboli” è il nome della campagna che Lorenzo Pegoraro, classe ’56, e Marino Piovan, classe ’54, entrambi neo pensionati di Solesino, in provincia di Padova, hanno deciso di portare avanti con un’insolita quanto avvincente iniziativa solidale patrocinata dal Comune di Solesino, dal Comune di Monselice e dalle associazioni “Dirittiamoci” e “Noi, Amici della Pesca per la sclerosi multipla Onlus”. 

“Lo faremo non solo per ammirare la bellissima Sicilia” spiegano Lorenzo e Marino “ma per una nobile causa, cioè sensibilizzare gli italiani - partendo dalla Sicilia per poi, in futuro, toccare anche le altre regioni - sui soprusi che spesso bambini, anziani e disabili subiscono a scuola, nei luoghi di cura e in generale in società. Vogliamo dare voce” continuano i due ciclisti amatoriali “a un esercito di persone bisognose, per rompere il silenzio dell’indifferenza su di loro. Certo, sarà una piccola impresa” concludono, “calcolando le alte temperature e le strade difficili con poca pianura, ma abbiamo dalla nostra una grande forza di volontà”. La campagna proseguirà nei prossimi mesi con conferenze, flash mob, sit in e altre forme di sollecitazione civile in favore dei più deboli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mille chilometri in bici, pensionati padovani arrivano a Palermo: "Giù le mani dai deboli"

PalermoToday è in caricamento