rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Beni confiscati, chiusa l'indagine sul "sistema Saguto": 20 indagati

L'inchiesta è affidata alla procura di Caltanissetta. Secondo l'accusa, l'ormai ex presidente della sezione misure patrimoniali del tribunale di Palermo avrebbe gestito sequestri e confische in modo personalistico

Venti indagati e una sfilza di accuse, dall'abuso d'ufficio all'associazione per delinquere passando per il peculato, il falso, la truffa. Si sono concluse così le indagini della procura di Caltanissetta sulla gestione della sezione misure di prevenzione all'interno del tribunale di Palermo. Si tratta del cosiddetto "sistema Saguto". Secondo l'accusa Silvana Saguto, ormai ex presidente della sezione, avrebbe gestito sequestri e confische in modo personalistico. Attorno a lei tutta un rete di colleghi e professionisti legati da interessi e favori reciproci.

Gli inquirenti hanno tratteggiato un quadro fatto di mazzette, favori, assunzioni "sospette". Un sistema che coinvolgeva familiari e colleghi del magistrato. Risultano indagati oltre alla Saguto, il marito Lorenzo Caramma, il figlio Emanuele Caramma, ma anche l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, Carmelo Provenzano, Roberto Nicola Santangelo, l'ex componente del Csm Tommaso Virga, Walter Virga, Vittorio Pietro Saguto, Roberto Di Maria, Maria Ingrao, Calogera Manta, Rosolino Nasca, Luca Nivarra, Fabio Licata, Lorenzo Chiaramonte, Aulo Gigante, Antonino Ticali, Elio Grimaldi. Indagata anche l'ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo.

Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza ha passato al setaccio anni di gestione della sezione, ritenuta fiore all'occhiello dell'azione antimafia e rivelatasi invece un centro di malaffare. Secondo gli inquirenti, Saguto avrebbe disposto della sezione come fosse una cosa propria scegliendo gli amministratori giudiziari, chiamati a gestire patrimoni milionari appartenuti ai boss, tra chi, per avere incarichi e consulenze, era entrato nel suo cerchio magico e ricambiava con soldi, regali e favori. A ottobre la Finanza ha sequestrato a sette dei venti indagati circa 900 mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beni confiscati, chiusa l'indagine sul "sistema Saguto": 20 indagati

PalermoToday è in caricamento