menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Madre Maria Santo Canale - Foto di Angelo Nicchi

Madre Maria Santo Canale - Foto di Angelo Nicchi

Cinisi e Monreale in festa, Madre Maria di Gesù Santocanale è beata

La celebrazione si è svolta domenica al Duomo di Monreale. In omaggio alla fondatrice delle suore Cappuccine dell'Immacolata di Lourdes sabato sera si è tenuta anche una veglia di preghiera a Cinisi

Madre Maria di Gesù Santocanale di Cinisi, fondatrice delle suore Cappuccine dell’Immacolata, è stata proclamata beata. L'evento religioso di importanza storica si è svolto ieri pomeriggio nella splendida cornice del Duomo di Monreale ed è stato anticipato sabato notte da una veglia di preghiera che si è svolta nel Comune dove la suora francescana, ora beata, ha operato. Tantissimi i fedeli che hanno voluto rendere omaggio a Madre Maria di Gesù Santocanale partecipando alla cerimonia presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, presso il Duomo normanno, alla quale hanno preso parte anche i vescovi della Regione. 

"E' con grande gioia e profonda gratitudine alla SS. Trinità che annuncio alla Diocesi la tanto attesa beatificazione della venerabile serva di Dio Madre Maria di Gesù Santocanale, fondatrice delle Suore Cappuccine dell'Immacolata di Lourdes che visse e operò nella città di Cinisi, e che avrà luogo nella nostra Basilica Cattedrale nel pomeriggio di domenica 12 Giugno 2016", annunciava l'11 aprile l'arcivescovo di Monreale Michele Pennisi. Il giorno tanto atteso dalla comunità è arrivato ieri.  

La biografia di Madre Maria di Gesù Santocanale. Carolina Concetta Angela, fondatrice delle Suore Cappuccine dell'Immacolata di Lourdes, è nata a Palermo il 2 ottobre 1852 da una famiglia nobile. Nel 1887, diventa una terziaria francescana, e inizia la sua opera di bene a Cinisi dove viveva il nonno e dove ha aperto nella sua grande casa un orfanotrofio, un asilo e un ritrovo dove i più bisognosi potevano trovare un pasto caldo. E' morta d'infarto il 27 gennaio del 1927 all'età di 70 anni.

Il miracolo. Racconta Don Antonio Ortoleva a CinisiOnline che all’interno dell'Istituto Santo Canale nel 2004 è successo un grave incidente: BeataSantocanalew-2"Andrea è caduto dal lucernario che stava costruendo, da un’altezza di 11metri e 10; cade sul punto centrale della futura cappella dove si sarebbe posto il corpo della Madre Fondatrice. Questo ragazzo che cade da undici metri e dieci sul cemento non si fa niente. Scendono gli operai, pensano di trovare un cadavere, e vedendolo sano e salvo gli dicono 'la Madre Fondatrice ti ha preso fra le sue braccia'. Lo portano in ospedale, gli fanno fare il referto il quale conferma che è uscito illeso da questa caduta. Tornano in Casa Madre portando un mazzo di fiori; le suore che non sapevano ancora nulla, vedono passare questa processione di persone, operai, architetto, il direttore dei lavori, e chiedono 'Ma che fate con ‘sti fiori?' 'Oggi la Madre Fondatrice ci ha salvati. Ha permesso che quì si continuasse quest’opera ma sopratutto ha salvato la vita di Andrea”.

Cinisi in festa. "Cinisi festeggia! Festeggiate tutti per una donna che nella vita non ha lasciato nessun moribondo senza un ultimo conforto, nessun indigente senza un tozzo di pane, nessuna fanciulla povera o ricca che fosse senza educazione. Ha sostenuto i nostri antenati e la sua opera viene ricordata ancora. Oggi, domenica, Madre Maria di Gesù Santocanale, testimone di misericordia e carità, verrà beatificata! Anche per chi non crede, questa domenica sia un giorno di orgoglio cittadino! Lei è per tutti dalla nostra parte, a nostro favore, in paradiso", il post pubblicato su Facebook dalla catechista Caterina Palazzolo. Solo uno dei tanti.

La festa non è ancora finita a Cinisi. Domenica prossima presso la Chiesa Madre sarà il vescovo a celebrare la messa e la cerimonia sarà dedicata alla neo beata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento