menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Barcarello, riqualificazione del lungomare bocciata e la passerella in legno cade a pezzi

La Regione ha giudicato "irricevibile e inammissibile" il progetto del Comune, che aveva chiesto un finanziamento di 4 milioni. Il percorso pedonale - devastato dal mare e dagli agenti atmosferici - resta quindi impraticabile. Randazzo (M5S): "Alla ricerca di altri fondi"

La Regione boccia il progetto per la riqualificazione del lungomare di Barcarello. Ad agosto la Giunta comunale aveva chiesto un finanziamento di poco più di 4 milioni di euro - a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale 2014-2020 - per intervenire sull'arredo urbano e su tutta la sede stradale, compresa l'estensione dello spazio pedonale, sostituendo però la passerella in legno (realizzata circa 12 anni fa) con un basolato in pietra che avrebbe richiamato colore e disposizione del tavolato.

Niente da fare. L'assessorato regionale Territorio e Ambiente ha giudicato il progetto del Comune "irricevibile" per "incompletezza della documentazione obbligatoria prevista dall'avviso" e "inammissibile" perché  "non coerente con la finalità dell’azione volta alla valorizzazione e tutela delle aree di rilevanza naturalistica". Con buona pace dei residenti e dei tanti palermitani (protagonisti di varie proteste) che fruiscono del lungomare di Barcarello. La passerella devastata (e tra l'altro pericolosa) resta pertanto impraticabuile e il progetto di riqualificazione senza finanziamento. E non è il solo nella borgata marinara di Sferracavallo, che aspetta la copertura economica per altre opere strategiche come la bretella di via Nicoletti e l'urbanizzazione di via Leone.

Ma torniamo al lungomare di Barcarello. Negli anni la passerella di legno è stata più volte rifatta. Con risultati pessimi. Le mareggiate e gli agenti atmosferici hanno continuato a distruggerla, pezzo dopo pezzo. Anche la scelta di sostenerla con i conci di tufo (pietra che viene aggredita facilmente dall'acqua salmastra) ha contribuito ad aumentare il degrado, facendo collassare il camminamento pedonale. 

Comentando la bocciatura del progetto, il consigliere comunale del M5S Antonino Randazzo, ha parlato di "brutta notizia per Palermo e per i cittadini della borgata marinara che da anni chiedono la sistemazione definitiva della passerella. Questo lungomare ha bisogno della massima attenzione da parte di tutte le istituzioni cittadine: per questo motivo - ha annunciato Randazzo - e il M5S sta lavorando per individuare risorse extra comunali o nazionali alternative per finanziare l'opera". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento