menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta degli operai Spo senza lavoro

La protesta degli operai Spo senza lavoro

Un bando per 47 lavoratori della Spo Ma c'è polemica: "Assunzioni inutili"

Un progetto legato a un finanziamento da 2,5 milioni, fondi del ministero dell'Ambiente, destinati alla gestione delle acque e dei rifiuti dopo la bonifica dell'Oreto. Primavera: "Nessun imbroglio"

Assunzioni inutili o concreta esigenza? La domanda sorge spontanea stando a guardare e leggere il bando scaduto da circa 24 ore e che riguarda l’assunzione di 47 persone che a loro volta dovranno formare 60 lavoratori socialmente utili col compito di fare da "guardia" alla foce di un fiume, l'Oreto che non esiste e su un'area che non è mai stata bonificata come ha detto a chiare lettere il consigliere di Italia dei Valori Salvatore Orlando.  Proprio Orlando ha presentato un'interrogazione chiedendo all'amministrazione del sindaco Diego Cammarata chiarezza sul bando della Spo.

Il progetto è legato a un finanziamento da 2,5 milioni di euro, fondi del ministero dell'Ambiente, destinati attraverso l'ufficio dell'ex commissario per la gestione delle acque e dei rifiuti alla bonifica del fiume Oreto che attraversa la zona nord della città di Palermo, la cui foce è abbandonata da anni e d'estate è il simbolo di degrado e siccità. Pur non essendo mai partiti i lavori di bonifica, la Spo, rimasta senza "lavoro" dopo che il personale Pip (piani d'inserimento professionali) che gestiva è passato alla Regione siciliana, ha pubblicato il bando. I formatori percepiranno 4mila euro per 4 mesi.

Ma Massimo Primavera, responsabile il responsabile liquidatore della Gesip che è anche amministratore unico della Spo difende i suoi a spada tratta: “Non c’è nessun imbroglio, tutto è stato fatto alla luce del sole, tanto meno il bando era riservato unicamente agli uomini della Spo. Non capisco questo accanimento contro padri di famiglia che a giorni saranno senza lavoro e che, lo so bene, hanno serie difficoltà a portare a casa un pezzo di pane”. Sulle prospettive future della società poi aggiunge: “Giovedì si delibera la chiusura della società. E’ assurdo che si faccia politica su tutto anche sul lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento