Shopping con banconote false da 50 euro: arrestati tre catanesi ad Alimena

A far scattare l'operazione è stata una segnalazione arrivata al 112, con la quale un commerciante ha avvertito i carabinieri. I tre - due uomini e una ragazza - sono stati fermati nei pressi dell'autostrada

Acquistano merce con banconote false e vengono arrestati. Operazione dei carabinieri della compagnia di Petralia ad Alimena. In manette con l’accusa di "spendita ed introduzione nello Stato di monete falsificate" - sono finite tre persone. A far scattare l’operazione è stata una segnalazione arrivata al 112, con la quale un commerciante ha avvertito i carabinieri che tre clienti, due uomini ed una donna, avevano acquistato merce pagando in due negozi diversi, con banconote da 50 euro risultate esser false. Immediatamente sono scattate le ricerche. I tre sono stati fermati nei pressi dell’autostrada, nei pressi di Alimena. Le banconote false sono state sottoposte a sequestro.

In manette sono finiti Cristian Camilo Todaro Melendez, 31 anni, nato in Colombia e residente a Catania, e Sarah Niceforo, catanese di 20 anni e Luciano Alessandro Gatto, anche lui catanese, di 25 anni. I tre sono stati giudicati in sede direttissima presso il Tribunale di Termini Imerese che - dopo la convalida dell’arresto - ha disposto per Sarah Niceforo la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e per Meledez Todaro e Gatto la misura dell’obbligo di dimora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Cervello, irrompe in un reparto Covid e (senza mascherina) urla ai medici: "Voglio vedere mio padre"

Torna su
PalermoToday è in caricamento