Cronaca

Bancarotta fraudolenta, immobiliarista palermitano arrestato a Ravenna

In manette Giuseppe Musca, 66 anni, il figlio Nicola, 36 anni, e la compagna Susy Ghiselli, 47 anni. Secondo l'accusa, gli indagati stavano progettando di trasferirsi in Svizzera

"Pericolo di fuga". Per questo motivo, su ordine della Procura di Ravenna, i militari della guardia di finanza hanno notificato un ordine di carcerazione al noto immobiliarista Giuseppe Musca, 66 anni, al figlio Nicola, 36 anni, e alla compagna Susy Ghiselli, 47 anni. Musca, palermitano di origine risiede da tempo a Ravenna dove ha anche ricoperto l'incarico di vicesindaco negli anni '80.

Il decreto di fermo fa riferimento all'indagine "Holiday out" coordinata dal procuratore capo Alessandro Mancini e dai sostituti Monica Gargiulo e Lucrezia Ciriello per bancarotta fraudolenta. Il lavoro degli inquirenti aveva portato lo scorso aprile al sequestro dell'hotel a quattro stelle superior di via Mattei, di otto appartamenti e di un complesso immobiliare a Glorie di Bagnacavallo.

Secondo l'accusa, come riportato dalla stampa locale, i Musca e Ghiselli avrebbero manifestato l'intenzione di cedere parte del loro patrimonio per trasferirsi in Svizzera. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Luigi Stortoni, Maurizio Merlini, Ermanno Cicognani e Giovanni Scudellari. In settimana ci sarà l'udienza di convalida del fermo davanti al giudice per le indagini preliminari. I Musca si trovano in carcere a Ravenna, mentre Ghiselli in quello femminile di Forlì.

(fonte Ravenna Today)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta fraudolenta, immobiliarista palermitano arrestato a Ravenna

PalermoToday è in caricamento