Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

"Bancarotta fraudolenta e debiti non pagati", sequestrati i beni a due imprenditori

La guardia di finanza di Bagheria ha messo i sigilli al patrimonio di A.A. e R.A., fratello e sorella, titolari di due società operanti nel settore della lavorazione di prodotti ittici

"Bancarotta fraudolenta". E' l'accusa mossa A.A. e R.A., fratello e sorella, titolari di due società operanti nel settore della lavorazione di prodotti ittici a Bagheria. La guardia di finanza ha eseguito stamani il sequestro preventivo dei beni societari e personali.

Secondo gli inquirenti, "l’intero patrimonio della società riconducibile ad A.A. è stato interamente trasferito a un’altra impresa, nata poco tempo prima ed intestata alla sorella, con il medesimo oggetto sociale e la stessa sede della prima".  Sostanzialmente hanno tentato di mascondere le difficoltà della prima società, fallita nel 2016, vendendo a prezzi irrisori tutti i propri beni materiali alla seconda. Inoltre, quest’ultima ha assorbito il personale dipendente. Tuttavia, la nuova impresa, che ha così potuto continuare l’attività, non ha onorato i debiti accumulati dalla prima, circa 650.000 euro. Per questo motivo la Procura, condividendo le ipotesi formulate dai finanzieri, ha riconosciuto l'esistenza della bancarotta fraudolenta aggravata dalla rilevanza del danno nei confronti dei creditori.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bancarotta fraudolenta e debiti non pagati", sequestrati i beni a due imprenditori

PalermoToday è in caricamento