menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palloncini bianchi e un minuto di silenzio, compagni di scuola e prof ricordano Marta

Alla media Vittorio Emanuele Orlando l'omaggio a Marta Episcopo, l'alunna di appena dieci anni morta mercoledì durante una lezione di educazione fisica. Sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso

Palloncini bianchi liberati in cielo prima di entrare nelle aule e un minuto di silenzio al termine delle lezioni. Così alunni, insegnanti e personale della scuola media Vittorio Emanuele Orlando di via Lussemburgo hanno ricordato Marta Episcopo, la bambina di 10 anni morta due giorni fa durante l'ora di educazione fisica.

Ieri l'istituto è rimasto chiuso e oggi, alla ripresa delle lezioni, la dirigente Virginia Filippone ha voluto organizzare un momento in ricordo della bimba nel piazzale davanti all'istituto.

"Sarai sempre nei nostri cuori, vola più in alto che puoi e guidaci da lassù, Marta", si legge su uno dei tanti cartelloni realizzati dai compagni di scuola. "Il giorno in cui ti abbiamo persa è stato terribile, eravamo tutti molto scossi e dispiaciuti - c'è scritto in un altro manifesto in cui campeggia la foto sorridente della bambina -. In questo momento sappiamo che ci stai guardando da lassù e speriamo che questa lettera ti abbia fatto capire quanto ti vogliamo bene. Ora che sei diventata un angelo veglia anche su di noi".

In supporto di genitori e alunni anche i resposabili dello sportello d'ascolto psicologico della scuola che, in un documento pubblicato sul sito dell'istituto, hanno voluto dare alcune indicazioni per affrontare quanto accaduto. "Vi suggeriamo - si legge in un passaggio del testo - di parlare di quanto accaduto con i vostri figli e di fare ordine tra i sentimenti che l’evento ha suscitato e che stanno provando. In questo modo essi potranno archiviare meglio gli eventi come ricordi. Non tempestate di domande vostra figlia / vostro figlio. Ascoltate vostra figlia / vostro figlio con attenzione e calma, senza correggerla/o e non cercate di cambiare la sensazione provata. Spiegate a vostra figlia / vostro figlio che i suoi sentimenti e pensieri in questa situazione sonoreazioni normali e anche giuste. Opponetevi alle dicerie e al sentito dire anche mediatico.Proteggete vostra figlia / vostro figlio dai media. Se le reazioni di stress non diminuiscono dopo 2 - 3 settimane, questo può causare – in determinate circostanze – disturbi ostinati. In questi casi il tempo da solo non basta a curare le ferite e potrete trovare assistenza specialistica presso il servizio psicologico scolastico e territoriale". 

Intanto sarà l'autopsia ad accertare la causa della morte della bmabina. Una prima ipotesi è che Marta, che frequentava la prima media, sarebbe scivolata poco dopo aver cominciato insieme ai compagni la fase di riscaldamento della lezione di educazione fisica e avrebbe battuto la testa. L'altra ipotesi, oltre a quella della caduta accidentale, è che abbia accusato un malore a seguito del quale avrebbe perso i sensi prima di cadere per terra. Le indagini su quella tragica mattina sono condotte dai carabinieri. 

Articolo aggiornato il 27 novembre 2020 alle ore 13,25// Aggiunti dettagli sulla cerimonia

 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento