Ballarò, scoprono relazione "proibita": violentato da 10 persone per vendetta

Regolamento di conti tra nigeriani: i carabinieri hanno arrestato una coppia per avere aggredito, derubato, picchiato e violentato un connazionale che avrebbe avuto un rapporto extraconiugale con una donna. Il malcapitato è stato rinchiuso in una casa per due giorni

Un regolamento di conti culminato nel modo più spietato. I carabinieri hanno arrestato una coppia di nigeriani, un uomo di 29 anni e una donna di 44 anni, per avere aggredito, derubato, picchiato e violentato un connazionale di 39 anni che avrebbe avuto una relazione extraconiugale con la donna finita in cella.

I militari hanno prima ricevuto una segnalazione da via Scillato: "C'è una persona che chiede aiuto". Una volta intervenuti hanno trovato il trentanovenne accasciato a terra. Era stato rinchiuso a chiave in una casa dei suoi aguzzini da due giorni, dopo avere subito percosse e anche una violenza sessuale dagli arrestati e, ha raccontato la vittima, da altre dieci persone. Il nigeriano ha detto ai carabinieri di essere stato portato a cena in un ristorante africano a Ballarò dove è stato aggredito dai connazionali compreso il compagno della sua amante.

Ad assistere al pestaggio e alla violenza anche l'amante. Nel corso delle violenza il compagno avrebbe fatto giurare la vittima che avrebbe interrotto la relazione con la sua donna. A questo punto viste le precarie condizioni fisiche l'uomo è stato portato in via Scillato a casa della coppia, privato del cellulare e chiuso dentro. Qui i carabinieri l'hanno trovato con diverse contusioni e ferite.

Il malcapitato è stato trasportato al pronto soccorso dell'Ingrassia con contusioni multiple. Da qui ha fatto denuncia fornendo una prima versione di quanto accaduto. I carabinieri intanto stanno cercando di identificare i dieci connazionali che dovranno rispondere di violenza sessuale. Gli arrestati al termine delle formalità di rito, sono stati poi portati al Pagliarelli e all'Ucciardone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento