Cronaca

La guerra della mafia nigeriana per prendersi Palermo, scatta un altro arresto

La polizia palermitana ha individuato e tratto in arresto a Catania un 30enne. L'uomo è stato scovato nel quartiere San Cristoforo. Decisivo il supporto degli agenti della Mobile etnea

E' accusato di far parte dell’associazione a delinquere di stampo mafioso “Eiye” (di matrice cultista) operativa a Palermo e in tutto il territorio nazionale. La polizia palermitana ha individuato e tratto in arresto a Catania il 30enne nigeriano Eric Ostin: si va ad aggiungere ai 13 connazionali catturati ieri nell’ambito dell’operazione “No Fly Zone”. Decisivo l’ausilio dei colleghi della Squadra Mobile etnea.

L'operazione è stata messa a segno ieri sera. "La banda, dedita alla commissione dei reati di sfruttamento della prostituzione e allo spaccio di stupefacenti, è stata smantellata nelle scorse ore con 13 'fermi di indiziato di delitto', effettuati nel corso dell’operazione della Squadra Mobile di Palermo - dicono dalla questura -. Il nigeriano preso ieri sera, anche lui destinatario del provvedimento di fermo emesso dalla Dda di Palermo, aveva tentato di rendersi irreperibile, ma le attività investigative portate avanti senza soluzione di continuità dagli agenti della Mobile di Palermo hanno consentito di scovarlo a Catania, nel quartiere San Cristoforo".

Da quello che è emerso i boss nigeriani avevano assunto un forte controllo sugli affari criminali soprattutto nel quartiere Ballarò. A confermarlo due pentiti di rilievo dell'organizzazione, ritenuti esponenti di vertice, che hanno rivelato modalità di affiliazione e affari, dalla droga alla prostituzione, nonché la capacità di penetrazione ed espansione territoriale della mafia nigeriana. Sugli arresti di ieri ha contribuito anche una ragazza nigeriana vittima di tratta e di sfruttamento della prostituzione, che si è ribellata e ha fornito agli agenti significativi elementi in ordine all'appartenenza agli Eiye del suo sfruttatore. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La guerra della mafia nigeriana per prendersi Palermo, scatta un altro arresto

PalermoToday è in caricamento