Sequestrate due botteghe abusive: uno dei commercianti incassava anche il reddito di cittadinanza

Intervento della guardia di finanza a Ballarò e al Capo. Nel primo caso, oltre a migliaia di articoli impolverati e senza alcuna documentazione, sono state trovate anche delle banconote false e il titolare deve rispondere anche di ricettazione

Foto archivio

La saracinesca alzata, i prodotti esposti e i clienti che entravano e uscivano. Tutto però senza che la vendita fosse autorizzata. Due negozietti "abusivi e completamente sconosciuti al fisco" sono stati scoperti dalla guardia di finanza. Si trovano uno a Ballarò e uno al Capo ed entrambi commercializzavano articoli per la casa e prodotti per igiene personale.

Il primo intervento, messo a segno con la collaborazione della polizia, ha interessato un minimarket nei pressi del quartiere di Ballarò con annesso deposito. Sono stati trovati scatoloni impolverati con dentro migliaia di prodotti per la casa, per l’igiene della persona e para-medicali, come detersivi, carta igienica, cosmetici, sacchetti per alimenti, guanti, pannolini e cerotti. Tutta la merce, secondo quanto reso noto, era priva della documentazione circa l'origine e il trasporto presso il negozio. Sopra uno scaffale espositivo, inoltre, sono state trovate tre banconote false. Nei confronti del titolare, un 60enne palermitano, sono stati ipotizzati i reati di falsificazione e ricettazione. I locali e la merce rinvenuta sono stati posti sotto sequestro con conseguente chiusura dell’attività commerciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo controllo in una bottega situata nei pressi del mercato del Capo. Anche in questo caso, i militari hanno proceduto al sequestro del locale e alla sospensione dell’attività per mancanza di licenza commerciale. Entrambi gli esercenti, uno dei quali percettore, tra l’altro, del reddito di cittadinanza, sono stati sanzionati amministrativamente per un importo di 3 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Sanità palermitana in lutto, è morto il cardiologo Giuseppe Andolina

Torna su
PalermoToday è in caricamento