Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

A Balestrate in azione "le sentinelle del mare" per raccogliere la plastica abbandonata

Il progetto di “Recupero e riciclo delle plastiche dal mare” verrà presentato sabato alle 18 al Centro Velico di Balestrate dall’Associazione civica balestratese Auser, partner insieme al Comune del progetto Generazioni virtuose.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

I pescatori locali insieme ai giovani allievi del centro velico di Balestrate saranno le “sentinelle del mare”. Un patto per l’ambiente sancito nell’ambito del progetto “Generazioni virtuose - azioni di riciclo mai viste”, realizzato con il sostegno di fondazione Con il Sud. Le sentinelle, durante le uscite con le imbarcazioni, raccoglieranno infatti la plastica abbandonata in mare. I rifiuti verranno in parte smaltiti, in parte riciclati grazie al macchinario in grado di trasformarli in piastrelle mosaiche. Le realizzazioni artistiche serviranno per la riqualificazione del centro urbano.

Il progetto di “Recupero e riciclo delle plastiche dal mare” verrà presentato sabato alle 18 al Centro Velico di Balestrate dall’Associazione civica balestratese Auser, partner insieme al Comune del progetto Generazioni virtuose. Interverranno il locale segretario dell’Auser Nunzio Calivà, il sindaco Vito Rizzo, l’assessore comunale all’Ambiente Rosario Vitale, il presidente della cooperativa pescatori Paolo Evola, il biologo marino Giovanni D’Anna, il volontario Auser Andrea Musso, il presidente del Centro Velico Balestrate Domenico Taibi e il coordinatore del progetto Gianluca Cangemi.

Nel Mediterraneo, ogni anno, finiscono 570 mila tonnellate di plastica. L’equivalente di 33.800 bottigliette al minuto. Rifiuti che causano la morte di 134 specie di pesci, uccelli, tartarughe e mammiferi marini. Un sacchetto di plastica gettato in mare impiega dai 10 a 30 anni per distruggersi. Le microplastiche tossiche vengono nel frattempo però ingerite da pesci e molluschi ed entrano così nella catena alimentare finendo sulle nostre tavole. Il progetto “Generazioni virtuose” vede come capofila l’associazione Auser di Montelepre. Ad aderire sono i Comuni di Balestrate, Giardinello, Montelepre e San Giuseppe Jato. Gli altri partner sono l’Istituto d’Istruzione superiore “Mario Orso Corbino” di Partinico, l’Associazione civica balestratese Auser, la Cna Palermo, Liberitutti, il circolo Legambiente “Giuseppe Giordano” di San Cipirello e l’associazione Kaleidos Cultura e Natura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Balestrate in azione "le sentinelle del mare" per raccogliere la plastica abbandonata

PalermoToday è in caricamento