"Aiuto, non respira": carabinieri fanno massaggio cardiaco e salvano bimbo di 6 anni

E' accaduto a Bagheria. I militari dell'Arma sono intervenuti grazie a una chiamata al 112. Al loro arrivo il piccolo era riverso sul letto e non dava segni di vita, così hanno iniziato le manovre per rianimarlo. Il 118 lo ha poi portato in ospedale per motivi precauzionali

Il bimbo con i carabinieri che lo hanno salvato

La chiamata disperata ai carabinieri: "Aiuto, il bimbo non respira" e la corsa contro il tempo dei militari che, trovandosi davanti un bimbo di soli sei anni, gli praticano il massaggio cardiaco e riescono a rianimarlo. E' successo a  Bagheria.

I carabinieri della Stazione locale sono intervenuti dopo che con una chiamata al 112 era stata segnalata la presenza di un bambino privo di conoscenza. Appena arrivati i militari hanno visto il piccolo disteso sul letto, privo di sensi, in arresto respiratorio e senza battito. Immediate le procedure di soccorso: i carabinieri hanno effettuato le manovre di rianimazione "disostruendo il cavo orale a seguito dello scivolamento della lingua e praticando il massaggio cardiaco". In pochi attimi il bambino ha ripreso conoscenza e all’arrivo dei sanitari del 118 appariva in buone condizioni di salute.

I medici, precauzionalmente, lo hanno trasportato in ambulanza presso l'ospedale specializzato pediatrico "Di Cristina" di Palermo, dove è stato ricoverato in osservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento