Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Canile abusivo scoperto a Bagheria, struttura dissequestrata

Erano intervenuti i carabinieri e l'Asp. Il gestore era stato sanzionato perché tre animali non avevano il microchip e perché non aveva le autorizzazioni per l'attività. I cani però erano in buone condizioni e gli erano già stati riaffidati

Dissequestrato il canile abusivo che era stato scoperto nei giorni scorsi dai carabinieri della Compagnia di Bagheria, supportati dai colleghi del reparto Tutela Ambientale e dal personale del servizio veterinario dell’Asp. La struttura si trova alla periferia della città delle ville.

Il gestore era stato sanzionato perché tre animali non avevano il microchip e perché non aveva le autorizzazioni per l'attività. I cani però erano in buone condizioni e, nelle more della ricollocazione in una struttura idonea, gli erano già stati riaffidati.

La notizia del dissequestro è diffusa dall'associazione "I Delfini onlus - distaccamento di Castelbuono", che collabora col gestore "nel tentativo di regolarizzare la piccola struttura". "I veterinari dell’Asp durante il sopralluogo non hanno rilevato nessun maltrattamento di animali come  si evince dai verbali - si legge in una nota firmata dal rappresentante legale della onlus -. Inoltre gli stessi si sono congratulati con il gestore per le condizioni in cui i cani erano tenuti. Il sottoscritto come previsto dalla normativa regionale 15 del 2000 nei giorni scorsi ha in due diverse occasioni fatto visita alla struttura che non è un canile ma una struttura privata gestita
da un appassionato del mondo animale, constatando personalmente che gli animali non solo godono di buona salute, ma interagiscono in maniera sicura con il loro padrone, non manifestando nessun segno di sofferenza. Chiunque ha puntato il dito su questa struttura lo ha fatto intenzionalmente senza tener conto di quelli che dovrebbero essere i veri ideali del mondo animalista".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canile abusivo scoperto a Bagheria, struttura dissequestrata

PalermoToday è in caricamento