menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby squillo per la Palermo "bene", chiesta una nuova perizia per Dario Nicolicchia

Il tribunale del riesame ha chiesto a un perito di valutare le condizioni del 31enne, arrestato a marzo con l'accusa di avere indotto l'ex fidanzatina minorenne a prostituirsi

La sorte di Dario Nicolicchia, il 31enne arrestato con l'accusa di avere indotto l'ex fidanzatina minorenne a prostituirsi, ruota attorno a una perizia per valutarne le condizioni psichiche. Il tribunale del riesame ha disposto l'intervento di un perito, che dovrà dire se le condizioni dell'uomo sono compatibili con il regime carcerario.

Nicolicchia è finito in manette nel mese di marzo, anche se i fatti contestati risalgono agli anni precedenti. Secondo l'accusa avrebbe iniziato una relazione sentimentale con una ragazzina minorenne, ma ben presto il rapporto sarebbe mutato. Nicolicchia l'avrebbe convinta ad avere rapporti sessuali a pagamento e lui avrebbe fatto da "manager". In poco tempo si sarebbe creata una fitta rete di clienti, tutti della "Palermo bene". La giovane però ha raccontato tutto alla madre e poi alla polizia, facendo scattare le indagini.

La difesa di Nicolicchia ha fatto eseguire una prima perizia, dalla quale è emerso che l'imputato sarebbe "malato di sesso perchè vittima di traumi infantili". Da qui la richiesta di revoca del carcere. La tesi è stata smentita da una seconda perizia voluta dal gip. Per il secondo esperto chiamato in causa, le condizioni di Nicolicchia sarebbero compatibili con il carcere. Adesso il tribunale del Riesame vuole vederci chiaro e ha chiesto un terzo parere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento