rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Cronaca

Autostrade, governo regionale intervenga per completamento lavori tratte A18 e A20 e per pagamento stipendi lavoratori

D'Anca: "Basta liti e beghe interne ai partiti, si pensi a priorità e sviluppo per i siciliani"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' assolutamente inaccettabile che il Consorzio per le autostrade siciliane non provveda a pagare il compenso per gli stati di avanzamento dei lavori dovuto alla Tosa Appalti Spa, società che si è aggiudicata gli appalti per i lavori delle tratte A18 e A20, con pesanti ripercussioni su tante famiglie di lavoratori, a cui viene negato lo stipendio". Lo dicono, in una nota congiunta, il segretario reggente della Filca Cisl Catania Giuseppe Famiano e il dirigente Domenico Murabito, il segretario Nino Botta e Franco Catalano della Filca Cisl Messina, che hanno già avanzato una richiesta di incontro con il Cas.

"E' necessario - aggiungono - che il governo regionale intervenga immediatamente per sollecitare il Cas a provvedere a saldare il pagamento di nove milioni di euro per i lavori, già eseguiti da troppo tempo. È evidente che l'impresa versa in una difficile situazione finanziaria tale da compromettere il pagamento delle spettanze a favore degli ottanta lavoratori, attualmente impiegati nei cantieri dell’autostrada, ai quali non è stata saldata ad oggi la retribuzione di giugno 2022 nonché i relativi versamenti alla cassa edile. E' una situazione drammatica - continuano - che rischia di avere gravi ripercussioni sulla stazione appaltante perche mette a dura prova la stabilità dell’impresa e il completamento delle opere attualmente aperte. Non è più possibile, pertanto, temporeggiare ma occorre - concludono - che si provveda al pagamento degli operai e al proseguimento dei lavori altrimenti ci troveremo di fronte alle ennesime opere incompiute che inficiano fortemente il futuro occupazionale di ottanta famiglie, oltre a creare notevoli disagi per tutti i cittadini siciliani e non solo".

"Invece di fare passerelle e preoccuparsi solo di gradimento nei sondaggi - commenta il segretario regionale della Filca Cisl Sicilia, Paolo D'Anca - sarebbe opportuno che il governo regionale si preoccupasse di risolvere i problemi e guardare alle priorità dei siciliani, che vorrebbero piuttosto che si puntasse su sviluppo e lavoro e non certamente assistere alle beghe interne alla maggioranza rispetto a candidature delle prossime regionali. Basta anche con questo indecoroso spettacolo che stiano vivendo a livello nazionale, troppe lotte intestine all'interno dei partiti che mettono a rischio le prospettive di sviluppo offerte anche dal Pnrr".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade, governo regionale intervenga per completamento lavori tratte A18 e A20 e per pagamento stipendi lavoratori

PalermoToday è in caricamento