Meno corse e caos alle fermate dei bus, l'Amat chiederà assunzioni a termine di autisti

Tanti disagi soprattutto sulla centralissima linea 101: oggi mancano ben 8 vetture. I mezzi, sui quali possono salire al massimo 20 persone, partono già pieni dal capolinea e non possono caricare altri utenti lungo il percorso: le attese aumentano e anche il rischio di assembramenti. "Potenzieremo il servizio"

Attese e assembramenti alla fermata della stazione centrale

Caos alle fermate e lunghe attese, col rischio piuttosto concreto di pericolosi assembramenti. Chiunque oggi abbia deciso di spostarsi con i mezzi pubblici prendendo in particolare la centralissima linea 101 si è accorto dei tanti disagi dovuti - come spiegano dall’Amat - alla mancanza di ben 8 vetture sul percorso tra la stazione centrale e lo stadio. In realtà non mancano i mezzi ma gli autisti ed è per questo che "chiederemo al Comune di approvare la possibilità di stipulare contratti a termine", spiega il presidente dell’ex municipalizzata, Michele Cimino.

Tante le segnalazioni giunte a PalermoToday dagli utenti, alcuni dei quali hanno anche mandato dei video per documentare i disservizi. Alla stazione, intorno alle 10, l’attesa di un 101 era mediamente di una ventina di minuti (a fronte dei 5 previsti). Tante persone erano dunque in attesa, con mascherina (non sempre indossata correttamente) e una certa difficoltà a mantenere il distanziamento fisico.

Sugli autosnodati dell’Amat a fronte dei 100 passeggeri previsti, per via dell'emergenza sanitaria, possono salirne soltanto 20. Il che vuol dire che quasi sempre il 101 parte dal capolinea già al massimo della capienza e che, finché nessuno dei passeggeri scende, l’autista non può fermarsi per farne salire altri. Così, soprattutto in via Roma, stamattina in tanti si sono visti passare ripetutamente sotto il naso l’autobus, ma senza poterci salire. E non sono mancati ovviamente gli scambi poco gradevoli col personale dell’Amat che, in questa confusione, deve garantire che le misure di sicurezza anti-Covid vengano rispettate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ un problema che si è verificato oggi - ammette Cimino - e che al massimo entro lunedì rientrerà, anche se non è semplice, non avendo un numero di mezzi ed autisti infinito". E aggiunge: "Stiamo lavorando per potenziare il servizio e pensiamo anche di chiedere al Comune di fare delle assunzioni a tempo determinato per consentire anche agli autisti, che stanno facendo del loro meglio in questa fase di emergenza, di riposarsi".  Perché se per anni uno dei problemi cruciali del trasporto pubblico a Palermo è stato la carenza di mezzi, più recentemente, con l’arrivo di nuovi bus, è venuto fuori - paradossalmente - quello della mancanza di autisti. A luglio dell’anno scorso proprio per questo motivo era stato bandito un concorso per assumere 100 autisti che tuttavia è fermo. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

Torna su
PalermoToday è in caricamento