Cronaca

Ronde sugli autobus, Orlando stoppa Forza Nuova: "Metodi fascisti, non se ne parla"

Militanti sui mezzi per proteggere i conducenti, spesso nel mirino dei vandali. Il sindaco "boccia" l'iniziativa: "Dopo i fatti di Macerata credo sia chiaro a tutti quale sia la loro idea di sicurezza". Esplode la polemica

Autobus danneggiato - foto archivio

"Metodi fascisti", "personaggi inquietanti", "apologia da vietare". E ancora "propaganda inaccettabile" e "becera iniziativa". Esplode la polemica dopo il "piano sicurezza" lanciato dai militanti di Forza Nuova per proteggere gli autobus, finiti sempre più spesso nel mirino dei vandali. Sulla vicenda è intervenuto Orlando che ha dato una connotazione "politica" alla vicenda. "Dopo i fatti di Macerata credo sia chiaro a tutti quale sia l’idea di “sicurezza” dei neofascisti in Italia - sbotta il sindaco -. Palermo non ha mai sottovalutato e non intende sottovalutare manifestazioni di chiara ispirazione fascista".

Forza Nuova ha lanciato l'idea delle "ronde" a bordo dei bus. Già martedì sera alcuni hanno presidiato gli autobus nel tragitto stazione centrale - piazza Politeama. Un'idea nata nell'ambito di quelle che gli attivisti chiamano "Passeggiate per la sicurezza". L'ultimo episodio, in ordine di tempo, ai danni di un mezzo Amat è avvenuto il 30 gennaio, quando un proiettile (sparano da una carabina modificata) ha rotto il vetro di una vettura della linea 619 in transito per lo Zen 2. Episodi ripetuti, tanto da fare insorgere gli automobilisti sempre più restii a entrare allo Zen. Per fare fronte a una situazione sempre più delicata, l'azienda, la Prefettura e i sindacati hanno aperto un tavolo di confronto. Lo scopo è duplice: proteggere i lavoratori, ma anche garantire il servizio allo Zen così come nelle altre periferie.

Ronde di Forza Nuova sugli autobus

Orlando però sottolinea: "Non intendiamo delegare ad inquietanti personaggi  la sicurezza della città che sappiamo essere gestita con grande professionalità dalla autorità a ciò preposte e dalle donne e dagli uomini delle forze dell’ordine che agiscono quotidianamente senza cercare ribalte mediatiche e senza fare inaccettabile propaganda politica".

Si inserisce sulla stessa scia il capogruppo del Pd al Comune di Palermo, Dario Chinnici: "Non tolleriamo episodi come le presunte ronde a bordo dei mezzi pubblici Amat - ha detto -. Questi metodi fascisti, che servono solo da propaganda in vista delle elezioni, sono inaccettabili. Gli autisti e la sicurezza dei passeggeri devono essere tutelati dal personale di bordo e forze dell'ordine. Serve una sforzo di tutte le forze politiche per isolare i violenti e, allo stesso tempo, chiedere che gli autisti, e i cittadini, viaggino sui mezzi pubblici in completa sicurezza. Inoltre con una maggiore presenza delle forze dell'ordine sul territorio potrà evitare l'isolamento di alcuni quartieri e ulteriori ghettizzazioni"

La notizia delle ronde organizzate da Forza Nuova sugli autobus dell'Amat ha fatto storcere il naso anche a Rifondazione comunista, che ha espresso "forte preoccupazione per la propaganda che militanti di Forza Nuova hanno effettuato oggi a bordo di autobus dell'Amat. L'azienda pubblica del trasporto urbano di Palermo non può essere oggetto di queste becere iniziative, l'apologia al fascismo è vietata dalla nostra Costituzione, pertanto Rifondazione Comunista Palermo chiede alla dirigenza dell'Amat un chiarimento su ciò che è accaduto oggi e la invita a mettere in campo tutto ciò che è necessario per impedire il ripetersi di questi episodi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ronde sugli autobus, Orlando stoppa Forza Nuova: "Metodi fascisti, non se ne parla"

PalermoToday è in caricamento