Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Autista lascia autobus in doppia fila (col motore acceso) e va al bar

E' successo in viale Croce Rossa, a due passi da Villa Sofia. Un passante ha ripreso la scena: "E' andato a prendersi un caffè". Il presidente dell'Amat Cimino: "Verificheremo i reali motivi della sosta e prenderemo i provvedimenti disciplinari del caso"

 

Durante il lockdown il caffè al bar d’inizio giornata è mancato a tutti, autista dell’autobus compreso. Così stamattina, quasi arrivato al capolinea di Villa Sofia, il conducente del 101 non avrebbe resistito concedendosi - secondo quanto racconta un passante - una piccola sosta per una tazzina di caffè lasciando il mezzo dell’Amat con i motori accesi e in doppia fila. 

A filmare il fatto in viale Croce Rossa è stato un passante che avrebbe dovuto prendere l'autobus. “Oggi ho preso il bus per la prima volta dopo la quarantena - spiega a PalermoToday il passeggero, che preferisce rimanere anonimo -. C’erano due fermate soppresse, una di fila all’altra. Avrei fatto prima ad arrivare raggiungere a piedi la mia destinazione. Poi questa, con l’autobus comunque fuori uso. L’autista è infatti sceso, lasciando il mezzo incustodito, è entrato dentro un bar-tabacchi per prendere un caffè e dopo poco è risalito guardandosi intorno”. 

Contattato dal nostro giornale, il presidente dell’Amat Michele Cimino dichiara: "Dobbiamo accertare la situazione per valutare i provvedimenti disciplinari del caso. Verificherò personalmente quale sia stato il motivo della sosta. Che sia stato per un bisogno fisiologico o per un caffè. Se così fosse il fatto è certamente grave e l’azienda non potrà far altro che prendere immediatamente le distanze dal fatto sanzionandolo e ammonendolo". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento