Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Quindici auto bruciate per vendetta, condanna definitiva per un prof palermitano

Luca Odierna Contino, assieme a un complice, nel 2018 incendiò i mezzi posteggiati in alcune strade di Treviso, dove insegnava grafica in un istituto privato: era convinto che i vicini ce l'avessero con lui. La Cassazione ha respinto il suo ricorso, dovrà scontare 3 anni e 15 giorni

Una serie di auto incendiate - una quindicina in tutto - tra il 29 gennaio al 14 luglio del 2018 per le strade di Treviso. Dietro ai roghi la mano di un palermitano, Luca Odierna Contino, insegnante di grafica e di sostegno in un istituto privato nella città del Veneto. Adesso per lui la condanna a 3 anni e 15 giorni, rimediata con l'abbreviato, è diventata definitiva.

I giudici della settima sezione della Cassazione, presieduta da Luigi Fabrizio Augusto Mancuso, hanno infatti dichiarato inammissibile il ricorso dell'imputato, condannandolo a versare 3 mila euro alla Cassa delle ammende e confermando la sentenza della Corte d'Appello di Venezia del 2 luglio dell'anno scorso.

Le macchine distrutte dalle fiamme erano posteggiate tra via Pinelli, vicolo Fratelli Bandiera e via Cacciatori del Sile. Odierna Contino, che oggi ha 25 anni, aveva agito perché convinto che i suoi vicini ce l'avessero con lui e avrebbe anche spinto un trevigiano, Daniele Diego Martorana, ad appiccare i roghi con lui. Questo secondo imputato ha patteggiato 3 anni e mezzo di reclusione a novembre scorso.

Odierna Contino venne arrestato a gennaio del 2019 e secondo gli investigatori della squadra mobile di Treviso, assieme al complice, avrebbe agito sempre allo stesso modo, cioè sistemando della carta igienica sulle ruote delle auto e innsescando poi gli incendi con alcol o con una bomboletta di deodorante. I due si sarebbero anche inviati le foto e i video dei roghi, che commentavano insieme.

L'imputato, interrogato dal gip dopo l'arresto, spiegò: "Avevo un problema, ho sofferto di un forte disagio psicologico. Non capivo quello che stavo facendo, chiedo scusa a tutti. Solo dopo aver trovato il lavoro ho recuperato tranquillità e lucidità e ho capito la gravità di quello che mi stava accandendo intorno".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quindici auto bruciate per vendetta, condanna definitiva per un prof palermitano

PalermoToday è in caricamento