rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Oreto-Stazione / Piazza Giulio Cesare

Autista con la sigaretta sul bus picchia passeggero che gli chiede di spegnerla

Vittima della violenza sarebbe Salvatore Lo Cascio, 77enne, che ha riportato gravi traumi al torace e al cranio. L'episodio sarebbe successo al capolinea della stazione centrale. Lapiana all'Amat: "Disporre indagine interna"

Gli aveva semplicemente chiesto di spegnere la sigaretta. Manifestando un diritto da passeggero a non essere “intossicato” dal fumo. Ma l’autista dell’autobus avrebbe reagito prendendolo a calci e pugni. Vittima della violenza sarebbe Salvatore Lo Cascio, 77enne palermitano, che ha riportato gravi traumi al torace e al cranio, per i quali è stato ricoverato in ospedale. L’aggressione sarebbe avvenuta il 25 maggio al capolinea della stazione centrale, in piazza Giulio Cesare. L’assessore alle Partecipate Cesare Lapiana ha chiesto ai vertici dell’azienda di disporre un’indagine interna.

LA VERSIONE DELL'AUTISTA: "LA VITTIMA SONO IO"

La storia è stata raccontata nell’edizione odierna di RepubblicaPalermo. “Secondo quanto riportato nel verbale dagli agenti di polizia – si legge nell’articolo - Lo Cascio avrebbe più volte sollecitato l’autista del bus numero 230 a gettare la sigaretta che fumava indisturbato sul posto di guida all’interno del mezzo. Un invito non gradito dallo stesso conducente che, aperta la bussola, avrebbe con violenza scaraventato fuori dalla corriera l’anziano pensionato.

Raggiunto da Repubblica nella sua abitazione nei pressi di Bonagia, Lo Cascio, dimesso ieri dal Policlinico con una prognosi di 15 giorni, racconta: "Ero a bordo del bus quando ad un certo punto cominciai a sentire la puzza di fumo che arrivava dalla cabina del conducente. Mi avvicinai e vidi che l’autista stava fumando". Lo Cascio, infastidito dall’odore, chiede cortesemente all’uomo di spegnerla. "Lo sollecitai più volte – continua, il braccio tumefatto e la voce tremante di chi fatica a spiegare tanta la violenza – ma lui, facendo finta di non sentirmi, continuava imperterrito a fumare. Spazientito, mi avvicino e gli dico: “Ma è possibile che debba fumare su un mezzo pubblico?". L’autista, dopo aver sputato in faccia all’anziano, gli ordina di scendere immediatamente. Umiliato, Lo Cascio obbedisce, ma una volta a terra ci ripensa. E a quel punto si scatena la violenza.

Oggi la nota del Comune: “In relazione alla presunta aggressione da parte di un autista dell'Amat ad un passeggero, l'assessore Cesare Lapiana ha richiesto ai vertici dell'Azienda di disporre una immediata indagine interna per verificare quanto effettivamente successo al fine di valutare l'eventuale adozione di provvedimenti di qualsiasi tipo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autista con la sigaretta sul bus picchia passeggero che gli chiede di spegnerla

PalermoToday è in caricamento