rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Case per donne in difficoltà in gravidanza o con figli, la Regione stanzia maggiori risorse

L'assessore Scavone ha firmato il decreto che aumenta le rette a 73 euro al giorno per ogni ospite: "Abbiamo ritenuto di rideterminare la tariffa per superare le criticità emerse"

Maggiori risorse per le strutture del privato sociale che accolgono donne in gravidanza e con bambini, in condizioni di disagio. L'assessore regionale alla Famiglia e alle politiche sociali, Antonio Scavone, ha firmato il decreto con cui autorizza l'aumento della retta per le case che le accolgono adeguandola alle esigenze emerse nel gruppo di lavoro istituito in assessorato con i rappresentati del Terzo settore: 73 euro al giorno e per ogni ospite, a cui va aggiunta l'Iva se dovuta. A questa va sommato il costo pro-quota per l'affitto dell'immobile, ricavato dal costo dell'affitto mensile secondo l'ultima tabella dell'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate.

"Abbiamo ritenuto di rideterminare la tariffa per superare le criticità emerse, fornendo una risposta rapida e adeguata rispetto alle difficoltà lamentate dagli enti gestori – afferma Scavone – e sgombrando il campo da qualsiasi tentativo di strumentalizzazione. L'obiettivo del governo Musumeci è fare in modo che dalle strutture vengano rispettati gli standard qualitativi idonei al delicato compito svolto". 

La retta va intesa come quota minima per garantire la sostenibilità del servizio. I Comuni, in base ai servizi offerti dall'ente gestore e alla situazione territoriale, ma anche ai progetti di accoglienza redatti per ciascuna persona, possono coprire ulteriori costi, in aggiunta a quelli individuati dalla Regione, per migliorare ulteriormente la qualità del servizio residenziale offerto.

"Dai 62 euro al giorno che erano stati decisi ad ottobre, si passa ora a 73 euro al giorno, in linea con quanto era richiesto dagli enti gestori e dalle cooperative. Quella dell'Assessore Scavone - ha dichiarato Marianna Caronia - è una scelta di buonsenso che conferma come fosse giusta la nostra battaglia al fianco delle cooperative, per la tutela di una categoria sociale particolarmente fragile. Occorre adesso che tutti i Comuni, a partire da quello di Palermo, si adeguino velocemente per permettere la stipula dei contratti con le cooperative, evitando interruzioni dei servizi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case per donne in difficoltà in gravidanza o con figli, la Regione stanzia maggiori risorse

PalermoToday è in caricamento