menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Clienti ammassati al bar senza mascherina": arriva la polizia e scatta la chiusura

Sospesa per 5 giorni un’attività all'interno di una nota struttura alberghiera di Cefalù. Il provvedimento è stato adottato a conclusione di un accurato controllo effettuato dai poliziotti del commissariato locale

Violavano le misure di distanziamento. Con questa accusa la polizia, nei giorni scorsi, ha sospeso per 5 giorni l’attività del bar interno ad una nota struttura alberghiera di Cefalù. Il provvedimento è stato adottato a conclusione di un accurato controllo effettuato dai poliziotti del commissariato locale, nel contesto dei servizi dedicati alla verifica del rispetto delle misure di distanziamento sociale e volte a scongiurare assembramenti.

"E’ emerso - spiegano dalla polizia - come, a fronte della presenza di 400 clienti circa, distribuiti su 40 tavoli in due diverse aree del locale, nella zona del bar della struttura si erano creati degli assembramenti di persone, prive di mascherina e che non mantenevano alcun distanziamento interpersonale. I poliziotti, anche in relazione alla consistente presenza di clienti, hanno optato per il graduale deflusso dei partecipanti, conclusosi alle 2 di notte. Ripristinate le condizioni di sicurezza, si è quindi proceduto alla redazione di un verbale di accertamento e contestazione di violazione amministrativa con applicazione di una sanzione di pari a 400 euro. I servizi proseguiranno, in quella ed in altre aree della provincia, nei prossimi giorni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento