Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Nastrini in assemblea al Parco della Favorita: "Avviare progetti per riqualificare le aree verdi"

Secondo il movimento sarebbe un modo per creare lavoro, favorire la socialità e tornare a vivere. L'appello al sindaco Orlando e al presidente della Regione Musumeci: "Utilizzare sia i fondi della ricollocazione al lavoro che, contestualmente, quelli previsti dal Recovery fund"

Costituire l'Ente Parco Favorita e avviare i progetti per riqualificare tutte le aree verdi in stato di abbandono della città. E' una delle richieste lanciate dal movimento dei Nastrini all'amministrazione comunale e regionale nel corso di un'assemblea che ha coinvolto la Confederazione unitaria di base e che si è tenuta nel pomeriggio proprio al Parco della Favorita. "Per farlo - affermano - pensiamo che si possano, anzi, si debbano utilizzare sia i fondi della ricollocazione al lavoro che, contestualmente, quelli previsti dal Recovery fund il cui utilizzo la comunità europea vincola alla creazione di posti di lavoro soprattutto nel settore del verde. Ecco perché siamo qui". 

Il recupero delle aree verdi secondo i Nastrini sarebbe un modo per creare lavoro e anche per favorire la socialità e tornare a vivere normalmente. "Normalità - dichiara  una giovane disoccupata del movimento - per noi vuol dire lavoro, sanità, welfare: diritti fondamentali che da diversi anni sono del tutto negati perché volutamente messi da parte nella veloce corsa al profitto di pochi, a discapito di quelle categorie sociali da sempre escluse da qualsiasi forma di diritto e reddito. Questione lavorativa e cambiamento climatico - continua  - sono questioni da tempo all'ordine del giorno e sono maggiormente emerse durante la pandemia da Covid-19. Nei fatti, però, negli ultimi decenni in città non è stato fatto nulla se non abbattere alberi e chiudere parchi e ville per mancanza di personale o per disinteresse da parte delle istituzioni. Un degrado dilagante che apre la strada ad una gestione privatistica del verde pubblico. Oggi più che mai- conclude -  c'è il bisogno di ampliare e non restringere gli spazi di socialità, di garantire salute e recupero dei territori in stato di abbandono” .

I Nastrini chiedono risposte immediate alle istituzioni: "Vogliamo delle soluzioni per superare il dramma della disoccupazione, è impensabile che il patrimonio verde non possa essere una risorsa per tutti in termini di lavoro e vivibilità"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nastrini in assemblea al Parco della Favorita: "Avviare progetti per riqualificare le aree verdi"

PalermoToday è in caricamento