menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il danneggiamento di una vetrina

Il danneggiamento di una vetrina

Assalti notturni in farmacie e vari negozi, sgominata banda: 4 arresti

In manette sono finiti 4 giovani incensurati tra i 20 e i 26 anni. Secondo gli investigatori della squadra Mobile avrebbero messo a segno almeno 10 irruzioni nel giro di un anno e mezzo dalla Zisa a San Lorenzo. Decisiva la visione delle immagini a circuito chiuso degli esercizi depredati

Giovani, incensurati e agguerriti: è questa la radiografia dei quattro malviventi, tra i 20 ed i 26 anni, autori di spregiudicate irruzioni notturne in esercizi commerciali cittadini, alla cui identità la polizia è risalita dopo laboriose indagini. Farmacie soprattutto, supermercati, tabaccherie, esercizi di abbigliamento, ed in un caso, un negozio di noleggio auto, gli obiettivi presi di mira dalla banda, che secondo gli inquirenti avrebbe messo a segno, dal luglio 2014 allo scorso febbraio, almeno una decina di "assalti notturni" a vari negozi (GUARDA IL VIDEO DELLE IRRUZIONI).

Secondo gli investigatori, il target scelto dai ladri era meramente causale. Le vie degli esercizi depredati e vandalizzati sono via Cataldo Parisio, via Puglisi, viale Strasburgo, via Emilia, viale Campania, piazza Sturzo, via Ammiraglio Rizzo, piazza Principe di Camporeale e via Ausonia. Che fossero asce, martelli, mazzuoli o tenaglie, poco cambiava nella dinamica dell’assalto: i quattro, con combinazioni intercambiabili ed immutata audacia, in pochi secondi, riuscivano a scardinare saracinesche, tranciare lucchetti ed infrangere vetrate, pur di racimolare poche centinaia di euro o, bene che andasse, una decina di "gratta e vinci".

L’innalzamento della soglia d’allarme per i negozianti di una vasta zona commerciale cittadina, dalla Zisa a San Lorenzo, ha richiamato l’attenzione dei poliziotti della Squadra Mobile - guidati da Rodolfo Ruperti - che hanno passato al setaccio i luoghi degli assalti ed analizzato le denunce delle vittime. A incastrare i quattro malviventi gli esiti di un’azione combinata tra i rilievi dattiloscopici verificati, sui luoghi degli assalti, dai poliziotti del Gabinetto Regionale della polizia scientifica e la visione delle immagini a circuito chiuso degli esercizi depredati. Nel commando, un palermitano di 20 anni del quartiere Zisa, è risultato essere figura centrale, se non altro perché presente in almeno 7 dei dieci assalti ricostruiti dagli investigatori. Tramite piccoli precedenti penali, è stato possibile ricondurre a lui le impronte lasciate da uno dei rapinatori in 6 rapine su 10 e, per una settima rapina, è stato riconosciuto dai poliziotti, attraverso la visione delle immagini.

Le indagini sono state condotte dagli agenti della sezione “contrasto al crimine diffuso” della squadra Mobile che, partendo dall’unico malvivente conosciuto e già schedato, hanno ricostruito il reticolo di frequentazioni e conoscenze che collegava la gang di ladri, rintracciando gli altri tre e riconoscendoli come responsabili dei furti. Intanto, ulteriori indagini sono in corso per risalire alle identità di altri, eventuali complici e per accertare altri “colpi” messi a segno dagli odierni indagati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento