menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La palazzina oggetto dei controlli

La palazzina oggetto dei controlli

Aspra, allacci abusivi al contatore Enel: arrestati 7 inquilini di una palazzina

Intervento dei carabinieri di Bagheria in via Mario Francese. Gli allacci erano stati realizzati a un contatore risultato dismesso nel marzo del 2011. Denunciate a piede libero altre due persone

Continua senza sosta l’azione dei carabinieri nel contrasto ai furti di energia elettrica. I militari della stazione di Bagheria - nel corso di un controllo di una palazzina in via Mario Francese (di proprietà di una persona estranea ai fatti) hanno arrestato sette inquilini e denunciato altre due persone. Tutti e nove i trasgressori - secondo quanto fanno sapere dal comando provinciale - avevano realizzato altrettanti allacci abusivi ad un contatore Enel risultato dismesso. Gli allacci erano in grado di alimentare gli impianti elettrici delle rispettive abitazioni.

In manette sono finiti: gli incensurati Antonino Guccione, 29 anni e Alessandro Graziano, 29 anni; poi Barbarina La Barbera, nata a Torino, 46 anni; Vincenzo La Barbera, 29 anni; Salvatore Giglio, 37 anni; Francesco Ilardi, 25 anni e Girolamo Trentacoste, 27 anni, noti alle forze dell'ordine. Deferiti in stato di libertà G.M. di 29 anni e I.A. di 36 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri sono intervenuti con l’ausilio del personale Enel. E hanno sequestrato un contatore risultato disattivato l'8 marzo 2011, insieme a vari cavi elettrici utilizzati per gli allacci abusivi. Gli interessati hanno confessato di non pagare alcuna bolletta di energia elettrica. Il danno arrecato alla società erogatrice è stato stimato in circa 15 mila euro.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati portati presso il tribunale di Termini Imerese per la celebrazione del processo con rito direttissimo. Che si è concluso con la convalida degli arresti e la sottoposizione alla presentazione alla polizia giudiziaria per Trentacoste, Giglio e Barbarina La Barbera. Gli altri, che hanno fatto richiesta dei termini a difesa, è stato fissato il giudizio per il prossimo 5 aprile.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento